IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci - Mauro Ferro
_____________________________________________________________________________________________________

giovedì 12 febbraio 2015

New dry-suit underwear...

Last week the boots, this week the dry-suit underwear!
I'm always unable to tolerate the cold weather. I'm very satisfied with the sportwear I've bought just before to move to Wales (rain windbreaker jacket, mountain pants, warm underwear etc) but I was not warm enough once I'm in kayak. I was getting cold!
My Kokatat dry-suit is still good despite it's four years old now (last December, to say the truth!) and I've already changed twice both the latex wristband and neck. Is the dry-suit underwear that is not good enough. I think about change it no more than two minutes and I decide for the Palm Trisuli suit. Palm again, Surf-Lines Ltd again :-)
It is a midweight one-piece fleece suit for women, featuring a dropdrown seat and a full lenght, two-way zipper makes for easy access. The technical textile is very comfortable, wicking and breathability, and seemingly free of odours... The male version is called Tsangpo and it comes with a two-way zip as well: my partner Mauro will soon receive one and he will probably comment it...

... a perfect insulation layer underneath the dry-suit...
A good combination: Tsangpo for men and Trisuli for women...
Warmer from the feet to the head!
Dopo i calzari della scorsa settimana, adesso è la volta di sottomuta, calzini e cappellino!
Ho sempre sofferto il freddo. Sono molto soddisfatta dell'abbigliamento sportivo che ho comperato prima di partire (giaccone traspirante e idrorepellente, pantaloni da montagna, intimo tecnico caldissimo etc) ma non ero ancora completamente a mio agio in kayak. Continuavo a sentire freddo!
La muta Kokatat comincia ad avere i suoi anni (quattro compiuti lo scorso dicembre, per l'esattezza!) ma avendo già sostituito un paio di volte i polsini ed il collo in lattice è sempre del tutto stagna.
E' il sottomuta che lascia a desiderare. Ci penso meno di un minuto e decido per la tuta Palm Trisuli.
Ancora Palm, ancora Surf-Lines Ltd :-) Un bell'acquisto: soldi ben spesi!
Non solo ha cuciture esterne e ben sagomate ed il tessuto è morbido, molto caldo e confortevole, ma è anche traspirante e... meraviglia delle meraviglie... non trattiene gli odori!
La versione femminile ha una comodissima apertura elasticizzata sui lombi, tipo il famoso portello posteriore della famosissima tuta di Super-Pippo, mentre quella maschile (dallo strano nome Tsangpo, immagino derivato dal fiume tibetano) propone una zip anteriore a doppia corsa che spero sia altrettanto comoda: Mauro la proverà quanto prima e ci saprà dire la sua...