IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci - Mauro Ferro
_____________________________________________________________________________________________________

giovedì 7 maggio 2020

Cosa ci insegna il kayak... anche quando non usciamo in kayak?

Ieri mattina sono andata a fare una visita di controllo in ospedale e la presenza di un reparto Covid-19 mi ha fatto salire l'ansia a livelli che non pensavo di dover sperimentare: prima di poter accedere in ambulatorio, sono dovuta passare al tendone esterno del triage per la misurazione della temperatura e della saturazione di ossigeno nel sangue. Ho così scoperto che per quel giorno non ero positiva!
Ho tirato un gran sospiro di sollievo e ho pensato che dopo due mesi di isolamento in casa era bello vivere la prima giornata all'aperto, benché in ospedale, con la consapevolezza di non essere infetta.
Questa strana riflessione ne ha generate molte altre: alcune già covavano da qualche giorno, sull'onda delle numerose discussioni pubbliche e private seguite al nostro ultimo post sulla fase 2 ed il kayak.
Mi sono quindi decisa a scrivere ancora qualcosa sul blog, per lasciare una traccia di questo strano periodo di pandemia e di isteria collettiva e di rabbia malcelata (le cose che più di altre mi stupiscono sempre moltissimo e che talvolta mi fanno pensare a quanto sarebbe bello restare a tempo indeterminato in isolamento volontario!).


In generale, ho registrato un grande senso di responsabilità nei singoli, una buona risposta della pubblica amministrazione ed una invidiabile capacità organizzativa in moltissimi settori produttivi.
Mi sembra inoltre che, a fronte di un rumoroso silenzio della federazione nazionale (e di altre realtà nazionali che pure rivendicano autorità nel settore), ci sia stata un'ottima reazione allo stato di emergenza nazionale anche nel nostro piccolo mondo delle attività sportive amatoriali.
I vari circoli territoriali si sono subito adoperati per riaprire in sicurezza le strutture sociali agli iscritti, anche se in alcune regioni le ordinanze locali non consentono la piena ripresa delle varie attività. Le molte associazioni di pagaia distribuite sull'intero territorio nazionale hanno trovato mille modi diversi per mantenere vive le relazioni tra gli iscritti, anche durante il periodo di isolamento sociale. I singoli pagaiatori hanno nella maggior parte dei casi dimostrato un profondo rispetto dei decreti ministeriali e, anche nelle regioni in cui le ordinanze emesse sono risultate più restrittive, sono stato avviati costruttivi confronti con le istituzioni locali.
Sembra proprio che nel complesso la nostra piccola comunità di appassionati della pagaia abbia saputo affrontare molto bene l'emergenza sanitaria.
Ma alcune reazioni sproporzionate, sebbene del tutto marginali, mi hanno fatto riflettere.


Come pagaiatori e navigatori dovremmo essere abituati a gestire situazioni impreviste.
Ogni volta che usciamo in mare ci alleniamo per affrontare una possibile emergenza: le onde sono più alte o il vento è più forte del previsto, oppure le condizioni meteo-marine cambiano nel corso della giornata, o ancora un compagno di escursione può sentirsi male o rompere il puntapiedi o perdere gli occhiali. Credo che ognuno di noi abbia affrontato diverse situazioni del genere nel corso della sua breve o lunga vita di kayak. Tutti, prima o poi, abbiamo avuto degli imprevisti ed abbiamo dovuto, nell'ordine, (provare a) mantenere la calma, raccogliere le energie, elaborare un piano di riserva, affrontare la nuova condizione e fare del proprio meglio per rientrare a casa tutti interi.
Il mare dovrebbe essere il nostro miglior maestro ed il nostro allenatore più esigente!
Inutile sarebbe, di fronte ad un imprevisto o ad una emergenza in kayak, mettersi a sbraitare contro il dio dei venti perché non doveva anticipare o aumentare quelle fredde raffiche da nord, oppure iniziare a lamentarsi perché il percorso è più lungo del previsto o le soste sono più brevi di quanto stabilito...
Negli anni sono state elaborate numerose e valide strategie per prevenire o evitare gli incidenti, per gestire le più disparate situazioni di pericolo e per risolvere ogni eventuale emergenza in mare.
Molti insegnanti di kayak si sono specializzati in corsi che in inglese si chiamano di "leadership", "risk assessment" e "incident managment" e moltissimi pagaiatori hanno seguito svariati corsi analoghi o affini o persino più specifici, tutti sempre con l'intento evidente di imparare a gestire le emergenze impreviste.


Allora perché in tanti, tra noi kayakers, si sono disperati per la reclusione?
Perché in molti hanno cominciato sin dalle prime settimane a strepitare contro i poteri forti o i diktat nazionali o i complotti internazionali? Perché alcuni hanno pure mostrato un forte risentimento, se non addirittura rabbia, per essere stati privati del sacrosanto diritto di uscire a pagaiare?
E' chiaro che ognuno di noi affronta le situazioni di emergenza in maniera diversa, con stati d'animo e sentimenti differenti, e non voglio certo entrare nel terreno impervio delle nostre paure e delle nostre ansie, perché mai come in questi ultimi due mesi di isolamento ho capito quanto possiamo tutti essere fragili, emotivi, suscettibili, impressionabili ed in fondo comprensibilmente umani!
Vorrei piuttosto capire perché alcuni di noi, pur allenati alle situazioni di emergenza in mare, non hanno saputo affrontare con la necessaria preparazione l'emergenza sanitaria da coronavirus!
Ovvio che si tratta di una drammatica pandemia che ha invaso ogni più remoto ambito della nostra vita quotidiana e che la situazione è tanto più complicata in ragione del fatto che non c'è stato modo di prepararsi, né emotivamente né praticamente né strategicamente.
Bene. Questo può valere per le categorie professionali più disparate, come gli insegnanti che per la prima volta hanno dovuto fare i conti con la didattica a distanza. Ma non mi sembra possa valere per i singoli: nella nostra dimensione individuale, intima e privata, avremmo potuto fare qualcosa di più?
Come mai non abbiamo saputo trasferire le competenze e conoscenze acquisite in mare per fronteggiare l'emergenza imposta dal coronavirus nella nostra vita quotidiana?
Cosa è andato perso nel tragitto dal mare a casa? Cosa abbiamo dimenticato?


Mi piacerebbe molto discuterne con degli esperti di settore, oltre che con altri appassionato di pagaia.
Ieri, per esempio, ho avuto un interessante confronto con un'amica di kayak esperta di sicurezza sul lavoro: lei anche ha registrato una strana impreparazione tra i suoi colleghi che, pur teoricamente preparati a gestire le emergenze, sono stati in alcuni casi travolti dal panico e dalla polemica.
Stiamo vivendo un grande esperimento sociale e professionali, mi ha detto alla fine.
Ecco, in questa grande prova collettiva, cosa ci ha insegnato il kayak da mare?
A me sembra di poter dire che grazie al kayak e, soprattutto grazie al mare, abbiamo imparato (e possiamo ancora imparare!) ad essere flessibili, tolleranti, pazienti, collaborativi e creativi!
C'è un'altra cosa che mi sento di poter sottolineare con grande convinzione, e che è uno dei pochissimi indubbi vantaggi della pandemia: durante un viaggio in campeggio nautico abbiamo modo di conoscere a fondo i nostri compagni di avventura, perché di fronte a Madre Natura veniamo tutti messi a nudo nella gestione dei nostri più elementari bisogni esistenziali (ho fame, ho sete, ho sonno, sono stanco, dove faccio la pipì etc); così durante l'esperienza del coronavirus abbiamo compreso molto facilmente la vera natura dei nostri vicini, amici e parenti ma anche illustri sconosciuti, perché è proprio durante un'emergenza che le persone danno il meglio ed il peggio di sé!
Ecco, la pandemia è un ottimo esercizio di svelamento della personalità.
Così non c'è neanche più bisogno di condividere un'escursione in kayak per capire esattamente con chi vogliamo accorciare le distanze e con chi, invece, quelle stesse distanze è meglio mantenerle, se non addirittura aumentarle... e senza che lo stabilisca un decreto ministeriale!

Tutte le fotografie che corredano l'articolo sono tratte dalle opere della mostra The art of brick di Nathan Sawaya.

2 commenti:

  1. Imparare a valutare i rischi, comprendere le forze che ti rimangono per poter completare i chilometri previsti prima del prossimo approdo, gestire le piccole o grandi emergenze, superare il timore di una traversata, senza essere imprudente. Tutto questo e molto altro mi ha insegnato il kayak e le persone con cui l'ho condiviso negli ultimi anni. Tutto questo è stato allenarsi a essere resilienti e in questo periodo è servito.

    RispondiElimina