IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci - Mauro Ferro
_____________________________________________________________________________________________________

venerdì 9 novembre 2018

Moderate Water Sea Kayak Leader Training (il vecchio 4*!)

Con la carica delle  Jornadas de Menorca en kayak appena concluse, ho affrontato un doppio training 4*, che dal 2017 è stato più propriamente rinominato dalla British Canoeing non più con i numeri delle stelle ma con il riferimento diretto alle condizioni marine: il training di Moderate Water Sea Kayak Leader è rivolto al kayaker interessato a diventare capo gruppo in acque moderate.
Prima ancora di iniziare i due training, nella giornata di lunedì 22 ottobre 2018, abbiamo dedicato un’intera giornata al corso teorico sulla navigazione costiera, uno dei pre-requisiti richiesti dalla British Caneoing: il Coastal Navigation and Tidal Planning ha suscitato la curiosità di due-tre studenti che per varie ragioni non potevano o non volevano seguire il successivo corso in mare, ed è stata per me una piacevolissima sorpresa vedere con quanta curiosità si sono avvicinati allo studio delle carte nautiche e delle correnti marine, e anche con quanta attenzione si sono cimentati nella programmazione di una escursione in ambiente marino con corrente fino a due nodi, con mare fino allo stato 3 e con venti fino a Forza 4 Beaufort (alcuni dei riferimenti del cosiddetto Moderate Water Endorsement). Tutti hanno mostrato di apprezzare i miei segnalamenti marittimi tridimensionali fatti a mano, di cui vado molto fiera e che non manco mai di portare in viaggio con me :-)

CNTP in spagnolo a Minorca!
Kissing the rock, uno dei primi esercizi di destrezza del training...
Pagaiare nel vento e in gruppo nei pressi della torre di Es Grau...
Rock gardening lungo le scogliere rocciose di Es Grau...
Appunti alla fine della prima giornata di corso....

Il primo training, da martedì 23 al giovedì 25 ottobre, è stato alquanto impegnativo per le condizioni meteo-marine, con forti venti da nord-ovest che lasciavano protetta la piccola baia di Es Grau ma che imperlavano di bianche onde frangenti la vicina Illa d’en Colom, dove ci siamo diretti per cercare i luoghi adatti alle prove di competenza tecnica nella conduzione dell’imbarcazione. L’isola è stata il teatro ideale anche per le due successive giornate dedicate alle varie strategie di conduzione del gruppo, perché offre molti ridossi naturali ma anche diversi capi esposti al vento e alle correnti, oltre ad alcune spiagge di sabbia lambite da bassi fondali che generano interessanti zone di surf. Sembra che i ragazzi abbiano apprezzato il piano di lavoro, a giudicare dai commenti di Ramon sul suo blog!

Rock landing con kayak in polietilene ed in fibra di vetro...
Pausa pranzo sulle rocce discutendo di kit di primo soccorso...
Riparazione del kayak in alto mare, riuscita con successo!
Babbo Natale "in incognito" al training di Minorca!
La conclusione del primo e l'inizio del secondo training...

Il secondo training, dal venerdì 26 alla domenica 28 ottobre, è iniziato sotto la pioggia, con lampi e tuoni che si facevano sempre più vicini e minacciosi. Abbiamo così scelto di dedicare l’intera giornata prima alla pianificazione di più escursioni in zone sconosciute (dove cioè gli aspiranti leader non avevano mai pagaiato prima), usando le tabelle di marea per scoprire in quale momento della giornata fosse più indicato prendere il mare, e poi alla programmazione di un viaggio che gli istruttori di “Menorca en kayak” avevano scelto di fare insieme per chiudere la lunga stagione estiva: un modo come un altro per festeggiare senza smettere di pagaiare!

Programmazione del viaggio di una settimana ad Ibiza... 
Rock landing in autonomia con kayak in polietilene...
Sostituzione di fortuna di un tappo perduto (simulazione!) del gavone di prua...
Un'ultimo sbarco sulle rocce...
Il secondo gruppo alla sede di Menorca en kayak!

In entrambi i corsi ho avuto modo di apprezzare una volta di più la grande determinazione che spinge ragazzi di ogni età, ventenni e cinquantenni, a pagaiare in mare mosso per il solo gusto di farlo, per giocare tra le onde come se si trovassero al luna park, per trascorrere ore ed ore a manovrare la pagaia tra gli scogli, ad issare con cura i kayak sulla scogliera, ad imbarcarsi nelle maniere più impensate… e a scendere a terra con la salsedine sulla pelle, sulle palpebre e sulle labbra.
Trovo sempre un modo per rinnovare il mio amore per il mare e per il kayak, e di questo (e di tanto altro ancora!) devo ringraziare i vari allievi che riempiono le mie lezioni e che sempre più spesso si rivelano dei gran bravi maestri: mi insegnano ad insegnare e mi confermano che c’è sempre qualcosa di nuovo di imparare!