IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci - Mauro Ferro
_____________________________________________________________________________________________________

lunedì 10 aprile 2017

A daily paddle around (along!?) the Orta Lake...

E' scoppiata la primavera: domenica sul lago con 20°C!
Dopo la presentazione del viaggio alle Isole Cicladi di giovedì sera a Erba e di venerdì sera a Peveragno, ci siamo concessi un sabato di semi-riposo dai preparativi per il prossimo viaggio estivo per fare visita al nostro caro amico Toni, impegnato in un seguitissimo corso di canoa canadese sul lago di Avigliana.
Non potevamo poi mancare all'ultimo raduno (per noi che partiamo!) sul Lago d'Orta: Luciano Belloni ci ha fatto la sorpresa di presentarsi al pontile dell'imbarco, di suonare la tromba di richiamo dell'adunata e di spiegare il programma della giornata. Non è ancora pronto per riprendere a pagaiare, ma siamo tutti sicuri che prima del prossimo mese di giugno ci stupirà festeggiando il suo ottantesimo compleanno salendo in kayak ed impugnando la pagaia con più vigore di prima!

L'inossidabile Luciano al momento dell'imbarco...
Un pesce sul lago!
L'inconfondibile profilo dell'Isola di San Giulio al centro del lago...
Aria di primavera e...
prati colorati!
La più giovane del gruppo: NiNa!
Tutti attratti dalle evoluzione del canader: attenti ai fuochi, sono devastanti!
In compagnia del canoista più bello del mondo :-D
Riunti sulla spiaggia per la solita birretta!
La traccia gps del percorso domenicale

C'erano 34 pagaiatori in acqua: Nina era la più giovane di tutti, settanta lustri meno dell'organizzatore. Le donne erano la bellezza di nove e quasi tutte hanno completato il percorso lungo di 32 km che ci ha portato a costeggiare tutte le sponde del piccolo lago alpino. Dopo una meritata sosta a metà giornata, allietata non solo dal sole cocente ma anche dai "brutti ma buoni" offerti da Luciano, abbiamo ripreso a pagaiare lungo l'altro sponda e... come sempre avviene in questo raduno, il vento che si è alzato da sud ha contrastato la nostra avanzata per l'intero pomeriggio.
Non ci siamo fatti mancare niente: il periplo dell'Isolino di San Giulio nel centro del lago è stato doppiamente emozionante per le ripetute planate dei un canader impegnato in operazioni anti-incendio.
Siamo sbarcati in formazione quasi sfilacciata & compatta e ci siamo ritrovati a ridere come bambini intorno alle immancabili birre dell'aperitivo serale. Poi tutti verso casa... alla prossima!