IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci - Mauro Ferro
_____________________________________________________________________________________________________

lunedì 26 gennaio 2015

Kayaking and mountaneering...

Yesterday Mauro paddled on the Maggiore Lake together with Gianni, while I went on my own along the mountain pathways around Dinorwig in the Snowdonia National Park.
While them fought against a 20/25 knots winds and had to paddling just from Cerro to Gurè, I advanced on a cloud of light drops that came with me up to the old slate quarry in Llanberis.
For one of those strange coincidence that sometimes happened in the lifetime, the distance was exactly the same: 13 km of kayaking and 13 km of moutaneering.
Mauro didn't take any pictures, while I shooted hundreds!
p.s. as you maybe noticed, starting from this post I've decided to flip the languages: every update from Wales will so come with the English version on the top and the Italian "translation" below under the pictures...

It's not bad weather, it's just bad equipment!
Interesting remains of the slate-quarrying industry...
Does they really exist? I mean, that people who fight for giving the freedom back to the garden's goblins?!? 
Dinorwik quarries were the largest anywhere in the world and closed down in 1969...
An old railway junctions to reach the quarries at the top of the mountain...
Mentre Mauro ieri pagaiava sul Lago Maggiore insieme a Gianni, io me sono andata in giro da sola per i sentieri di montagna nei dintorni di Dinorwig, alle porte del parco nazionale dei monti Snowdonia.
Mentre loro due combattevano contro un vento a 40/50 km/h che imbiancava lo specchio d'acqua e limitava l'escursione da Cerro a Gurè, io mi inoltravo in una fitta nuvola di goccioline leggerissime che mi inzuppava da capo a piedi e mi accompagnava fino alle vecchie cave di scisto di Llanberis.
Per una di quelle strane coincidenze delle vita, la percorrenza è stata la stessa: 13 km loro in kayak, 13 km io a piedi. Non so loro, perché si saranno persi dietro a chissà quante birre, ma io ho scarpinato per 5 ore filate.
Solo che Mauro non ha fatto neanche una foto, mentre io ne avrò scattate più di 100!
p.s. come forse avrete notato, a partire da questo post e per tutti quelli che scriverò dal Galles, ho deciso di invertire le lingue: inizio con l'inglese, tanto per impratichirmi un po', e la versione italiana slitta sul fondo dopo le foto...