IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

E' nato Voyager

E' nato Voyager
Dopo diversi anni di gestazione, dalla collaborazione con CS Canoe, è nato Voyager, kayak da navigazione a medio raggio. In questa barca ho inserito le caratteristiche che, dopo 25 anni di attività e più di 20.000 miglia pagaiate, ho ritenuto rilevanti per un mezzo destinato a questo utilizzo. Qualche numero: lunghezza 585 cm, larghezza 50 cm, volume 310 lt, peso in VTR 23 Kg. Prima della produzione, il prototipo dovrà superare una fitta serie di test, ma già le prime semplici prove fanno ben sperare... Sarà possibile testare Voyager durante gli incontri dove saremo presenti. Mauro

Voyager è pronto!
Con le ultime modifiche apportate Voyager ha raggiunto la maturità
ed è pronto per la produzione industriale...

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci Mauro Ferro

lunedì 6 gennaio 2014

Sardegna: diamo i numeri!

Il bagaglio del rientro...
La pulizia dell'apparecchiatura elettronica... e non solo!
Gli acquisti sardi: pane carasau per mesi!
284 km pagaiati
8 km la tappa più breve (in realtà 10.8 perché il vento spesso ci faceva retrocedere!)
32 km la tappa più lunga
15 giorni sull'isola
12 giorni di navigazione
1 giorno di sosta forzata per la 'tempesta di Natale'
1 giorno per il recupero dell'auto
1 giorno di turismo nell'entroterra della Sardegna
9-10 ore di sonno per notte (galli permettendo!)
Giornata tipo:
ore 6 - sveglia
ore 9 - imbarco (più spesso le 10 per fotografare l'alba, raccogliere conchiglie e chiacchierare del più e del meno)
ore 13 - pausa pranzo di circa un'ora
ore 17 - sbarco e sistemazione del campo notturno
ore 19 - cena
ore 20 - nanna (21 nelle ricorrenze speciali della vigilia di Natale e dell'ultimo dell'anno)
1 notte in albergo
1 ultima notte in casa Ravasio
1 notte ancora in auto
2 cene al ristorante
1 visita all'acquario di Cala Gonone
3 paletti della tenda spezzati dal vento
1 custodia impermeabile del GPS scollata
1 dente della forchetta rotto
1 bomboletta di gas consumata
3 fotocamere (di cui 2 impermeabili)
1 smartofono per le foto pubblicate sul blog
3 palette, 1 formina ed 1 piccolo innaffiatoio trovati in spiaggia
3 palline colorate
15 cipree
5 bottigliette di sabbia raccolte per la mia collezione di ricordi di viaggio
4 chili di pane sardo acquistato prima del rientro in continente
2 bottiglie di mirto
2 bottiglie di filuferro
1 bella fetta di pecorino
7 lavatrici di panni sporchi
2 ore per pulire le conchiglie
1 giornata intera per lavare, sistemare e riporre tutta l'attrezzatura (e non abbiamo ancora finito!)
TANTI amici vecchi e nuovi per un viaggio all'insegna della disponibilità e dell'ospitalità
TANTISSIMI messaggi via mail, sul blog e su facebook: grazie, insieme a voi il viaggio è stato molto più bello!

2 commenti:

  1. Mi sono perso qualche puntata precedente: luogo d'inizio e luogo dell'ultimo sbarco?
    Complimenti e buon 2014
    Alessandro Di Lellis

    RispondiElimina
  2. Ciao Alessandro,
    abbiamo pagaiato lungo la costa orientale della Sardegna, da Olbia a Villasimius:
    http://www.tatianacappucci.it/Tatiyak/Spedizioni/Spedizioni.asp
    La Sardegna è bella tutta :-)

    RispondiElimina

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog BlogItalia - La directory italiana dei blog