IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

E' nato Voyager

E' nato Voyager
Dopo diversi anni di gestazione, dalla collaborazione con CS Canoe, è nato Voyager, kayak da navigazione a medio raggio. In questa barca ho inserito le caratteristiche che, dopo 25 anni di attività e più di 20.000 miglia pagaiate, ho ritenuto rilevanti per un mezzo destinato a questo utilizzo. Qualche numero: lunghezza 585 cm, larghezza 50 cm, volume 310 lt, peso in VTR 23 Kg. Prima della produzione, il prototipo dovrà superare una fitta serie di test, ma già le prime semplici prove fanno ben sperare... Sarà possibile testare Voyager durante gli incontri dove saremo presenti. Mauro

lunedì 13 ottobre 2014

3 star course in Menorca

Basta trascorrere quattro giorni a Minorca per rinascere. E' un'isola dove mi piacerebbe vivere. La più belle delle Baleari. Verde, selvaggia, varia, sorprendente, accogliente... Con un mare che incanta!
Quasi quanto le persone: calorose, empatiche, ospitali, sorridenti, sempre abbronzate!

Teresa e Carlos mi hanno invitata a partecipare alla nona edizione delle Jornadas "Menorca en kayak":
tornare sull'isola mi ha emozionato moltissimo, ancor di più abbracciare i tanti vecchi amici!
Il Consigliere allo sport di Minorca mi ha fatto dono di una splendida raccolta fotografica sulla riserva naturale
e ha introdotto la mia presentazione sul sistema didattico BCU e sui viaggi di Tatiyak "A zonzo per il Mediterraneo"
Al termine della settimana di pagaiate intorno all'isola, una parte del gruppo si è iscritto al corso 3* BCU
mentre Carlos ha proposto sessioni teorico-pratiche di tecnica groenlandese nella splendida baia di Es Grau...
Da sinistra: Lucas, Marc, Alberto, Miquel, Gonzalo e Alex.
Non avevo mai lavorato con un gruppo di ragazzi tanto giovani, entusiasti ed appassionati!!!
Le condizioni meteo-marine sono state più che perfette per il corso 3* BCU!
I kayak di polietilene si prestavano bene a tutti gli esercizi in acqua, compresi gli sbarchi sulle rocce!
L'acqua calda della baia ci ha permesso di praticare tutte le manovre previste dal syllabus
e di trascorrere lunghe ore in ammollo per affinare salvataggi, traini e navigazione costiera...
Una variante della tecnica di salvataggio assistito detta "push contact tow"...
... si è presto trasformata in questo composito salvataggio ribattezzato "Rescate Menorquin"!
C'è sempre stato un momento più che perfetto per apprendere divertendosi:
qualche volta ho pensato di essere tornata all'asilo d'infanzia!
Minorca è l'isola ideale per praticare il kayak da mare!!!
Una delle situazioni in cui ci siamo trovati durante gli esercizi "all in rescue"....
un altro dei tantissimi momenti di svago che hanno caratterizzato il corso minorchino!
Marc ha sorteggiato il kayak messo in palio da "Menorca en kayak":
la reazione entusiasta di tutti gli altri partecipanti alle Jornadas mi ha sorpreso ed emozionato,
è stato un boato di gioia come se il kayak fosse stato vinto da ognuno di loro! 
Il suggestivo tramonto sulla baia di Es Grau ha anticipato la degna conclusione di giornate davvero speciali:
una perfetta organizzazione dell'evento, una grande complicità ed un'incredibile sintonia tra tutti!
Carlo e Teresa di "Menorca en kayak" con le sei nuove stelle della BCU:
I'm really looking forward to meet you all next October for the X Jornadas 2015!!!
Four days in Menorca are enough to get a new lease on life. It's a wonderful islans where I would like to live. The most beautiful of the Balearic Archipelago in Spain. Green, wild, sundry, amazing, pleasant... With a fascinating clear warm sea!
Even people are pretty special: warm, empathetic, hospitable, smiling and always suntannned!

martedì 7 ottobre 2014

3 star course in Alghero

Ogni volta mi scopro a pensare che l'ultimo corso è stato il più divertente di sempre.
Deve essere per l'immutata voglia di entrare in acqua, di giocare ancora con kayak e pagaia, di farmi contagiare dall'entusiasmo dei partecipanti... o forse per il mare pulito, l'acqua cristallina, i colori accesi, oppure per il sole caldo anche ai primi di ottobre, per la brezza che increspa la baia, per i contorni pennellati della costa... o magari solo per la magia che sprigiona il navigare.
Il corso 3 stelle BCU di Alghero è stato tutto questo e molto altro: accoglienza calorosa, allegria condivisa, puntualità svizzera, attenzione smisurata, energia inesauribile, curiosità incontenibile...
Le domande si sono susseguite a ritmo incalzante, le prove in acqua si sono dilatate ogni giorno di più, le pause del pranzo sono sempre state dedicate alla teoria e, cosa mai avvenuta prima, abbiamo dedicato un paio d'ore a "prendere appunti": ogni singola manovra è stata scomposta, analizzata e schematizzata in un gioco ribattezzato "le tre parole chiave" che diventava via via più avvincente...
La presenza di due impareggiabili angeli custodi, poi, ha reso il corso doppiamente proficuo: Nico e Giulio ci hanno raggiunto da Roma per completare il tirocinio degli aspiranti Istruttori di secondo livello FICK e non solo hanno dimostrato di essere più che preparati per condurre corsi di kayak da mare in piena autonomia, ma hanno anche contribuito a creare un clima di grande divertimento pur nella prolungata fatica degli esercizi tecnici...
Le ragazze presenti, infine, hanno sorpreso tutti per costanza, caparbietà e determinazione: mai mi era capitato di lavorare con un tale manipolo di infaticabili pagaiatrici, mai distratte, mai stanche, mai infreddolite! Persino i traini ed i salvataggi assistiti non li hanno intimorite e hanno sempre eseguito ogni manovra con maestria ed eleganza... perchè il kayak si declina anche al femminile!
E' stato davvero uno dei corsi più belli di sempre!

Il gruppo al gran completo sotto il sole sardo e sulla sabbia farinosa della spiaggia di Fertilia...
Una volta in acqua non sono mai mancate domande e richieste di chiarimenti... 
Da destra Tore, Giancarlo, Claudia, Maria Elena, Lorenza, Tatiana, Adriana, Stefano e Antonio tra i due "angeli custodi" Giulio e Nico... 
L'associazione Kayak Avventura di Alghero ha creato dal nulla una spiaggetta di sabbia fine...
... sull'isoletta del faro rosso, chiamata "Maddalenedda", la meta prediletta di Mirella!
Chissà perchè questo esercizio "cattura" sempre tutti!
Pratica a secco degli appoggi alti continui a pala lunga: Antonio è un modello perfetto!
Avevamo anche una polena che all'occorrenza passava da prua a poppa!
Le ore di lavoro teorico rischiano di diventare noiose: queste sono state divertentissime!
Sarà faticosissimo per la mia amica Mirella rimanere lontana dall'acqua!
Every course seems to be the most amusing ever.
It must be for the unchanged desire to come back to the water, to still play with kayak and paddle, to be infected by the enthusiasm of the participants... or it's maybe due to the clean sea, the crystalline water, the bright colors, or the warm sun despite the beginning of October, the water get choppy by the breeze, to the line of the coast over the horizon... or it's just the magic sound of sea kayak navigation.
The BCU 3 stars course I runned in Alghero has been all of this and much more: friendly welcome, high attention, inexhaustible energy, uncontrollable curiosity... lot of questions, lot of sessions, lot of notes, lot of suggestions, lot of feedback... the practise of identify "three key points" for each manouvers was really very didactical and productive...
I also had two good assistant, Nico and Giulio, who have reached us from Rome to complete the training to became Sea kayak Italian Coaches. They are very well prepared to run courses on their own, and they also contributed to create a relaxed atmosphere using SEL acronym...
The four girls surprised me for their constancy, obstinacy and determination: they were tireless! Even rescue and towing sessions were practised with mastery and elegance... because sea kayak also has a female conjugation!
It was one of the most interesting course ever indeed!

mercoledì 1 ottobre 2014

Palmaria & Cinque Terre on our own way...

Dovevamo andare al "Kanumesse", il salone del kayak di Norimberga.
Invece i piani sono saltati e pur di non rinunciare ai due giorni di ferie già accordati, abbiamo improvvisato un viaggio guidato di quattro giorni nel nostro "mare vicino casa".
Poi anche il resto della compagnia ha avuto vari imprevisti e così... ci siamo ritrovati in tre.
Sotto un sole abbacinante e con un mare calmo come l'olio: un lungo fine settimana di totale relax!

Mauro and Guido under a fresh waterfall...
Three lazy kayak...
A happy lady!
Strange little jellyfishes...
A long lovely sunset...
A rocky coastline full of colours!
The little island of Tino and his red lighthouse...
Old military wall...
Completely relaxed!!!
Too many "powerboats" during the crossing!
We planned to go to "Kanumesse", the paddle exposition in Nuremberg.
But plans changed and we want not to give up. We hah two break days so we tried to organised a last minute four days guided tour in our lovely "sea near home." The rest of the group also suffered unexpected changed so... at the end, we were just three! But not alone: we spent every single moment of those relaxing days paddling under a blinding sun on calm sea: what a long week-end!

martedì 23 settembre 2014

Level 3 Coach training: a new step

Continua il mio tirocinio per il Level 3 Coach e proseguono gli incontri sul Lago di Lugano.
La sede di Sullacqua è perfetta non solo per la bellissima insenatura ma anche per la comodità logistica: per i vari tipi di salvataggi assistiti abbiamo potuto utilizzare diversi kayak, più o meno alti, più o meno stretti, più o meno stabili... e di ognuno abbiamo compreso pregi e difetti, giungendo alla solita conclusione: non esiste un kayak perfetto! Ma la giornata in acqua si, è stata quasi perfetta!

Il gruppo al gran completo...
Le ragazze alle prese con un doppio salvataggio...
Gianni assiste Simona...
Anna aiuta Bruno...
All in rescue!!!
I'm going on with my Level 3 Coach training: we have had a new meeting on the Lugano Lake.
Sullacqua sea kayak center is the perfect place, not only for the beautiful inlet but also for the logistic convenience: to practise different rescues we have been able to use different kayaks, more or less tall, more or less narrow, more or less stable... and we have appreciated values and defects for each kayak, coming at the end at the usually conclusion: a perfect kayak don't exist! But the week-end on the water, well, it has been almost perfect!

lunedì 15 settembre 2014

New paddle and more fun!

Ho una nuova pagaia.
Celtic. Moderna. Divisibile in quattro parti. Perfetta per i viaggi in treno ed aereo.
Volerà con me a Minorca ai primi di ottobre e mi seguirà nei vari corsi 3 stelle in programma...
Eila e Nigel me l'hanno consegnata la scorsa settimana: "You're our ambassador in Italy!", m'hanno detto riempiendomi d'orgoglio e di timore... non ho (quasi) mai usato una pagaia diversa dalla groenlandese (salvo per il viaggio in Corsica), ho sostenuto tutti gli esami della mia carriera canoistica (compreso il 4* e 5* leader ad Anglesey!) e non ho mai viaggiato senza la mia preferita pagaia verde. Ma la curiosità è donna, anche in kayak: vediamo se scopro qualcosa di nuovo con la mia nuova pagaia Celtic dalla banda rossa!
Intanto, il fine settimana a Lavena Ponte Tresa sul Lago di Lugano è stato uno spasso!

My new Celtic paddle!
Lot of fun on the water...
Practising re-enter with and without paddle-floar and more balance excercises...
Is tha kayak too big for him?!?
What a smile!!!
I have a new paddle.
Celtic. Euro blade. Four peaces. Perfect for train and airplane.
It will fly with me to Minorca early in October and it will follow me in the planned 3* courses...
Eila and Nigel gave me it last week: "You're our ambassador in Italy!", they said, filling me of pride and fear at the same time... I have (almost) always used a Greenland paddle (except for the circumnavigation of Corsica Island), I have passed all the aasessments (4 * and 5 * Leader too) with a Greenland paddle and I have never traveled without my preferred green Greenland paddle. But! Curiosity is woman, we say in Italy: so let me see if I learn something more with my new Celtic paddle!
Last week-end on the Lugano lake was a perfect and funny start!

giovedì 11 settembre 2014

Eila and Nigel in Italy for a 4* training!

Sono arrivati un paio di giorni prima e sono andati via qualche giorno dopo.
Il training 4 stelle BCU è stata un'ottima occasione per ospitare Eila Wilkinson e Nigel Dennis.
Erano entusiasti delle linguine al cartoccio, della mozzarella di bufala, del sorbetto al limone, della grappa barricata, dei tipici dolcetti locali "brutti e buoni", delle meringhe fresche, del vino rosso...
Un po' meno delle condizioni meteo-marine, purtroppo non adeguate al corso in programma!
Il mare era troppo calmo, senza quasi un'onda e con una bava di vento che solo una sera si è impegnata per diventare una tardiva brezza vivace che ha increspato il mare. L'atteso stato 4 non si è palesato, ma i due insegnanti gallesi non hanno lesinato lezioni, consigli ed attività in kayak!

Planning a daily sea kayak trip considering the tidal races time-table
Nigel is always speaking a very celar English!
How far is it?!?
Il primo giorno è stato dedicato al corso di "Coastal Navigation and Tidale Planning", prerequisito per l'accesso al training 4 stelle BCU secondo gli standard da tempo elaborati dalla Federazione Inglese. Non potevamo trovare luogo più adatto: la veranda del ristorante del campeggio Dolce Vita, che ha inondato col suo karma positivo tutta l'area destinata al carteggio, contagiando pian piano tutti i partecipanti al corso e qualche osservatore esterno. Le lezioni si sono protratte sino al tardo pomeriggio, con gli esercizi di programmazione di un'escursione giornaliera e la elaborazione di un piano di riserva in caso di imprevisti o incidenti...

Special conditions for a special 4 star training :-)
Rosk landing and lot of rescues in a flat water... to increase skills and knowledge!
Il training 4 stelle, infatti, è rivolto ai kayaker che hanno già raggiunto una buona competenza tecnica e che vogliono acquisire le conoscenze per condurre in sicurezza un gruppo di compagni. Dopo il training di due giorni si può accedere all'esame finale di altri due giorni e, superate le prove previste, si ottiene il brevetto da Leader, cioè da responsabile dell'intero gruppo. Le nozioni per gestire tra le onde quattro o cinque pagaiatori sono elementari e dettate dal buon senso, ancor prima che dalla perizia tecnica, ma spesso occorrono diverse prove in mare per comprendere fino in fondo la necessità di praticarle. L'esperienza in navigazione, poi, arricchisce il curriculum del Leader 4 stelle.

Lunch break...
Toni from Qajait was our public relation man!
Dinner time!
Le onde, purtroppo, sono mancate. Le previsioni meteo non lasciavano dubbi: calma piatta!
Ma Eila e Nigel sono stati così bravi e coinvolgenti da spingere i partecipanti in situazioni comunque impegnative. Non sono mancati traini reali e simulati, interventi di primo soccorso e di riparazione del kayak, varie manovre di svuotamento del kayak, continue prove di inclinazione e gestione dello scafo, fino a giungere al famigerato sbarco sulle rocce. In questi casi, anche nella totale assenza di onde e di vento, la preoccupazione maggiore diventa quella di proteggere il kayak da possibili danni. Nigel è stato categorico: "If you do it right, be sure to have no damage to the equipment!"

Eila's coaching style...
Nigel in the middle talking with the hands...
A different system to empty the boat...
Così le piccole acrobazie sono andate avanti sia il sabato che la domenica, sempre intervallate da pranzi e cene che hanno amplificato la felicità dei nostri ospiti gallesi. Il momento più alto della lunga escursione enogastronomica in terra ligure è stato toccato quando abbiamo concluso il fine settimana seduti sul ciglio della strada della nuova marina di Varazze a gustare il pesce fresco fritto offerto in bei cartocci dalla locale cooperativa pescatori. Il vino bianco ghiacciato ha completato l'opera di degustazione. Il viaggio di ritorno e la giornata successiva trascorsa a bighellonare lungo le sponde soleggiate del Lago Maggiore hanno chiuso in bellezza una breve piacevole vacanza italiana!

On the water...
... and on the land!
Eila Wilkinson and Nigel Dennis arrived a couple of days before the BCU 4*training we organized in Varaze - Liguria (Italy) last week-end. They were enthusiastic of the linguine baking style, fresh mozzarella, lemon sorbet, typical sweet called "ugly and good", fresh meringues, red wine and grappa wine... They were bit less enthusiastic about weather conditions, unfortunately not good enough for the planned training! The sea was too much calm and the wind appeared only on late evening... but the two Welsh Coaches pushed the participants in a variety of sea kayak situations!
The first day was devoted to the "Coastal Navigation and Tidale Planning". We couldn't find a better place: the patio of the restaurant of the camping called "Dolce Vita", a good karma to start!
Two more days were devoted to the 4* training, always alternated by lunches and dinners Italin style... The tallest moment of the long gastronomic tour in Liguria has been touched when we have concluded the weekend sat on the eyelash of the road of the new harbor in Varazze, tasting the fried fresh fishes offered in beautiful bags by the local fishermen cooperative company. Frozen white wine completed the picture. The trip to come back and the last day spent walking up and down the norther Lake Maggiore have ended in a bang the short holiday in Italy!

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog BlogItalia - La directory italiana dei blog