IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci - Mauro Ferro
_____________________________________________________________________________________________________

domenica 21 febbraio 2010

Sunny, windy, cloudy day

Arriviamo al lago giusto in tempo per assistere alla partenza della regata velica.


Scegliamo di raggiungere i Castelli di Cannero da Cerro di Laveno: 36 km in 3 ore di pagaiata all'andata e altrettante al ritorno, con temperature tra i 4 ed i 14 gradi ed una leggere brezza che ha già l'odore della primavera.

Il nostro tragitto abituale prevede un passaggio sotto la colonia di cormorani che ha imbiancato il bosco rivierasco, una sosta sotto il Sasso Galletto che è meta prediletta anche degli appassionati di subacquea, un salto alle fornaci di Caldè che regalano sempre una visione di tempi andati; poi finalmente una lunga traversata in diagonale verso i Castelli.

Lo spettacolo delle rovine abbarbicate sui due scogli della riva piemontese è da qualche tempo rovinato dalla presenza di gru ed impalcature per la realizzazione di qualche misterioso lavoro di restauro...
Il rientro è stupefacente: il lago sembra diventare di mercurio, il cielo si copre lentamente e la foschia tinge ogni cosa di una infinita varietà di grigi che nascondono il tramonto.

When we arrive on the lake a sail regatta is just started; we want to reach Cannero's Castle: 36 km paddling for 3 hours to go and as many to return, temperatures among the 4 and the 14 degrees and a breeze smellign the spring.
Our usual sunday paddle foresees a passage under the colony of sea crows, a standstill under the Stone Cockerel that is also a favorite destination for divers, a stop to Caldè and finally a long crossing toward the Castles.


The ruins come with crane and scaffoldings for the realization of some mysterious restauration...

The reentry is amazing: the lake seems mercury, the clouds slowly covers the sky and an incredible variety of grey paint the sunset.