IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci - Mauro Ferro
_____________________________________________________________________________________________________

domenica 30 luglio 2017

In ricordo di Henry...

Henry Weir era un amico.
Era uno scozzese, un kayaker, un grande amante della birra. Era un compagno di viaggio ideale.
Adesso non c'è più, stroncato in pochi giorni da un tumore ai polmoni...


Ci ricorderemo sempre delle sue creative trovate d'ingegno.
Come quando si lanciava in kayak all'arrembaggio delle barche a vela di passaggio urlando a gran voce "Do you have any beer?!?"
Come quando ci svegliava in piena notte lamentandosi che la "fabbrica delle onde" l'aveva sommerso e a noi serviva qualche minuto per capire che l'onda anomala provocata da un traghetto aveva inondato il suo bivacco, steso accanto al kayak un po' troppo vicino alla battigia...
Come quando inventava cantilene estemporanee che poi diventavano il tormentone del viaggio: "Dove c'è gente c'è strada, dove c'è strada c'è casa, dove c'è casa c'è pub, dove c'è pub c'è BIRRA!!!


Ci ha lasciato tanti ricordi e tante emozioni, di sicuro ci ha reso più ricchi da quando l'abbiamo conosciuto. Anche perché era uno scozzese sui generis e se non lo controllavi a vista pagava sempre tutto lui!
Abbiamo avuto la fortuna di condividere con lui tanti momenti gioiosi. Perché Henry era così: sapeva rendere la vita gioiosa.


Ci piace ricordarlo con la canzoncina che aveva scritto, composto ed interpretato per uno dei viaggi in kayak che abbiamo compiuto insieme nel Mediterraneo:
"I'm going down to the Sea,
My kayak and paddle and me.
I'm going East, I'm going West,
'cause kayaking is the best!"


Ciao Henry: "ci vediamo quando ci vediamo".