IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci - Mauro Ferro
_____________________________________________________________________________________________________

domenica 23 febbraio 2014

Tatiana parte per il Galles

Oggi Tatiana è (ri)partita per il Galles... per la prima settimana di un nuovo corso BCU che la porterà a conseguire il brevetto di L3 Coach.
Eccola a Milano alla partenza della navetta per l'aeroporto...


Voyager - Secondo test sul Lago Maggiore

Ieri abbiamo testato Voyager ancora sul Lago Maggiore.
Alla mattina ci ha fatto visita Andrea Bolis e, dopo un paio di manovre di assaggio, da campione dell'eskimo qual'è, sfidando la temperatura dell'acqua ancora un po' freddina, ha effettuato un paio di evoluzioni con il kayak scarico.

Appoggio alto
Appoggio groenlandese standard

Siamo poi partiti per una escursione di una ventina di chilometri, ed è Tatiana che ha messo alla prova Voyager.

Tatiana
Alcuni particolari del kayak.

La prua
I passacime
La poppa
Lo scafo rovesciato
E poi, verso il tramonto, siamo ritornati alla base.

Mauro
Le facili condizioni ambientali ci hanno permesso di appurare che, a dispetto delle sua generosa lunghezza, il Voyager è abbastanza manovrabile da prestarsi bene anche per le escursioni giornaliere.

mercoledì 19 febbraio 2014

Voyager - Primo test sul Lago Maggiore

Domenica 16 febbraio con Andrea ed Emanuele abbiamo effettuato il primo test in acqua del prototipo di Voyager.
La giornata era uggiosa, le nuvole basse, la pioggia intermittente, una leggera brezza da Nord-Est ed una piccola onda di circa 30 centimetri ad inizio giornata.
Come primo test le condizioni ambientali potevano andare bene...

Il Voyager
Prima di tutto abbiamo verificato beccheggio e rollio della sola barca.
Il risultato è stato buono: il kayak "naturalmente" ammortizza le sollecitazioni esterne e riprende l'assetto appena queste cessano.

Secondo test: stare fermi nel kayak.
Tutti e tre utilizziamo solitamente barche con scafo a V e siamo abituati ad essere su kayak con bassa stabilità primaria. Il Voyager ha un angolo di V leggermente superiore alle nostre barche abituali e quindi ci aspettavamo di avere la sensazione di una certa instabilità iniziale. Infatti così è stato.
Tuttavia, dopo i primi minuti di "seduta", tutto è diventato normale. Poi, la facilità di modifica dell'assetto laterale dello scafo che questo angolo accentuato di chiglia consente, ci ha piacevolmente "intrigato".

Mauro
Il primo test in navigazione è stato fatto con barca scarica in diverse condizioni di rotta rispetto alla brezza ed all'onda.
Appena effettuate le prime pagaiate e acquistata un po' di velocità, si ha la sensazione che la barca sia "ancorata" all'acqua e che le sollecitazioni esterne siano quasi irrilevanti per la navigazione...
Con il vento laterale il kayak orza leggermente e, come scritto prima, per via della facilità di inclinazione dello scafo, si mantiene agevolmente la rotta prefissata.
Nelle altre andature si dimostra ben bilanciato e facile da condurre.
Da notare che ancora non è montata la deriva, tuttavia nessuno di noi ne ha sentito la mancanza.

Il secondo test in navigazione è stato fatto con un carico ridotto alle poche cose necessarie per una escursione giornaliera, circa una decina di Kg.
La sensazione, a parte una leggera maggiore inerzia e stabilità, è stata che non fosse cambiato niente: le manovre di conduzione del kayak erano facili da eseguirsi e la navigazione sempre precisa.

Andrea
Alla conclusione di questa prima serie di test possiamo affermare che il Voyager è una barca molto promettente.
Ora è necessario ripetere le stesse prove in mare con vento teso ed onde di una certa entità.
Poi ancora altre prove con il kayak a pieno carico... speriamo di avere presto l'opportunità di continuare i test....
Vi terremo informati...
P.S. Purtroppo tutte le foto di Emanuele sono mosse... mea culpa!

domenica 16 febbraio 2014

Big fun at the Big Blu event!

Non credo sia mai capitato ad una fiera della nautica: una esibizione di rolling nella piscina centrale del padiglione n.3 della Fiera di Roma.
Vincenzo Stuppia mi ha fatto provare l'ultimo nato della casa Mannino, Itaca, un bel kayak dallo scafo accattivante e dal nome evocativo...
Così per una mezz'oretta mi sono rotolata nell'acqua bollente della vasca allestita dai subacquei e, come sempre, mi sono divertita come una bambina!
È stato un breve viaggio alla riscoperta dei piaceri dell'eskimo groenlandese, seppur con una pagaia moderna (ma a me piacciono così tanto le contaminazioni!)... un incontro improvvisato che ha fruttato foto e filmati a non finire: aspettiamo quelli del fotografo dell'evento per rivivere le belle emozioni del pomeriggio in acqua... stay tuned.

Vincenzo Stuppia (a destra) con nuovi appassionati arrivati da Catanzaro...
Nella vasca dei pesci rossi...
Itaca ha uno scafo particolarmente adatto ai rolling...
L'acqua era caldissima e cloratissima... ci vedevo più o meno così!
Reunion: Gianni Montagner, Vincenzo Stuppia, Mr.Mannino, moi et Betty Bassanelli
I'm not really sure but maybe this was the first time in Italy: a rolling exhibition in a little swimming pool during a three days naval show in Rome.
Dear friend of mine, Vincenzo Stuppia, let me use the last kayak made by Mannino, an Italian producer and dealer based in Catania - Sicily.
The water was very cold and despite the paddle was not a Greenland paddle I spent half and hour rolling on both side, always smiling!
We're now waiting for pictures and videos made by the official photographer of the event... I'm bi curious :-)

martedì 11 febbraio 2014

Stop raining... for a while!

Domenica non ha piovuto. Il cielo ha smesso di piangere. Anzi, meglio: è uscito il sole!
Di solito piove, nevica o tira vento durante il fine settimana e torna il bel tempo il lunedì, quando si riprende a lavorare. Per una volta è successo l'inverso... ed era talmente bello che abbiamo pagaiato per 30 km fino al Lago di Mergozzo, che è sempre freddo come un frigorifero e va subito in ombra come stesse in castigo ma è anche uno dei pochi laghi alpini facilmente raggiungibili, dall'acqua pulita per il divieto di navigazione a motore e con uno spettacolare contorno di casette in pietra e cime innevate...
Domenica non ha piovuto e noi siamo stati felici!

Sul canale di collegamento tra il Lago Maggiore ed il Lago di Mergozzo...
Coffe break
Eravamo in cinque, ma il Sirius di Mauro non entrava nella foto...
Sunday wasn't a rainy day. The sun was out with us!
It usually rains or snows during the weekend and the ggod weather come back on Mondays, when we usually have to start working. This time, however, the last day of the week was so beautiful that we paddled for 15 n.m up to the Lake of Mergozzo, that is always cold as a refrigerator but it is also one of the few alpine lakes easly attainable, with clean water for the prohibition of motor navigation and with a spectacular view of stone cottages and white mountains... 
Domenica wasn't a rainy day and we were so happy!

lunedì 10 febbraio 2014

E' nato Voyager

Dopo diversi anni di gestazione, dalla collaborazione con CS Canoe, è nato Voyager, kayak da navigazione a medio raggio. In questa barca ho inserito le caratteristiche che, dopo 25 anni di attività e più di 20.000 miglia pagaiate, ho ritenuto rilevanti per un mezzo destinato a questo utilizzo. Qualche numero: lunghezza 585 cm, larghezza 50 cm, volume 310 lt, peso in VTR 23 Kg. Prima della produzione, il prototipo dovrà superare una fitta serie di test, ma già le prime semplici prove fanno ben sperare... Sarà possibile testare Voyager durante gli incontri dove saremo presenti.


domenica 2 febbraio 2014

I giorni della Merla sul Lario...

Perché mai trascorrere le giornate più fredde dell'anno sulla parte più fredda del lago più freddo d'Italia?!?
Ma per il piacere della compagnia, ovviamente: 3 donne su 10, ben equipaggiate e con grandi sorrisi!
E delle pagaiate nelle nuvole (non nebbia, sia chiaro!): speravamo nevicasse, ma c'erano ben 4 gradi!
Senza dimenticare il buon mangiare: dopo 22 km nel gelo, d'obbligo pizzoccheri, sciatt e tarot valtellinesi!
Il vino è stato abbondante, come le risate sia in acqua che a terra, prima al bar e poi al ristorante...
Ecco perchè Luciano Belloni insiste sempre co' 'sto raduno... un appuntamento imperdibile!

Franco, Tatiana, Andrea, Bruno, Anna, Emanuele, Laura, Marco, Luciano e Mauro (in gionocchio)
Pioveva, tanto per non farci mancar nulla!
E non ha mai smesso: MAI!
Why we always spend the coldest days of the year on the coldest part of the coldest lake in Italy?!?
For the pleasure of the company, of course: 3 women on 10, well equipped and with great smiles!
For paddling in the clouds (not fog, for sure!): we waited for the snow, but we had even 4 degrees!
And for good cooking: after 22 km in the cold, we eat local dishes called pizzoccheri, sciatt and tarot!
Wine was abundant, as the hearty laughters both in water and on land, before in the cafe and then in the restaurant... That's why Luciano Belloni always insists to organize the meeting: an unmissable appointment!