IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci - Mauro Ferro
_____________________________________________________________________________________________________

giovedì 13 marzo 2014

Voyager - Prima prova in mare

I tre giorni di campeggio nautico in programma nel Golfo di La Spezia sono stati un'ottima occasione per fare "assaggiare" al Voyager l'acqua salata...


Il carico totale del kayak è stato sui 100 Kg e nei gavoni restava ancora sia lo spazio che la portata per i rifornimenti per un'altra settimana. Il carico teorico totale per questa versione del Voyager è di 115 Kg e la prova effettuata ha confermato la corrispondenza pratica a quanto calcolato.
Il kayak, con le murate disegnate leggermente a trapezio, ha supportato molto bene l'aumento del carico ed è affondato in maniera molto ridotta rispetto a quanto ci si potrebbe aspettare, promettendo buone prestazioni anche a pieno carico.


Le previsioni davano mare tranquillo e vento 10-15 Nodi da NE e la realtà ha dato ragione alle previsioni.
Le condizioni meteo-marine non erano tali da permettere un test estremo; tuttavia, nei pressi dei capi, l'aumento del vento e le onde ripide e scomposte hanno permesso di capire la tendenza del comportamento generale, con sollecitazioni volutamente cercate alle varie angolazioni ed andature.
Nel complesso, i vari accorgimenti adottati nella progettazione dello scafo hanno trovato conferma pratica, garantendo una navigazione confortevole in ogni andatura.


Le onde di prua sono ben ammortizzate dall'angolo di chiglia molto pronunciato.
Il beccheggio è anch'esso molto ridotto ed ammortizzato dai deflettori anteriori.
Con onde al traverso il rollio è appena percettibile e ben contrastabile.
La navigazione è leggermente orziera anche con kayak carico e facilmente correggibile con l'inclinazione dello scafo (ancora non è montata la deriva).


Il Voyager ha superato con onore le varie prove fino ad ora effettuate sia sul lago che sul mare ed è molto vicino all'essere pronto per l'industrializzazione.


Restate sintonizzati...