IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

E' nato Voyager

E' nato Voyager
Dopo diversi anni di gestazione, dalla collaborazione con CS Canoe, è nato Voyager, kayak da navigazione a medio raggio. In questa barca ho inserito le caratteristiche che, dopo 25 anni di attività e più di 20.000 miglia pagaiate, ho ritenuto rilevanti per un mezzo destinato a questo utilizzo. Qualche numero: lunghezza 585 cm, larghezza 50 cm, volume 310 lt, peso in VTR 23 Kg. Prima della produzione, il prototipo dovrà superare una fitta serie di test, ma già le prime semplici prove fanno ben sperare... Sarà possibile testare Voyager durante gli incontri dove saremo presenti. Mauro

Voyager è pronto!
Con le ultime modifiche apportate Voyager ha raggiunto la maturità
ed è pronto per la produzione industriale...

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci Mauro Ferro

mercoledì 2 gennaio 2013

Buona fine, miglior principio!

Forse è il caso di dire l'inverso perché è stata migliore la fine ed appena passabile l'inizio.
Per il tempo, naturalmente: il 31 splendeva nel cielo terso un sole vivace che scaldava la pelle. Non fosse stato per la brezza gelida che calava da nord si sarebbe potuto scambiare per un bel giorno di primavera! Il primo dell'anno, invece, i colori erano spenti e la temperatura fissa a zero gradi: il sole non si è mai scomodato a tenerci compagnia, sembrava dover recuperare l'enorme sfacchinata del giorno prima...
Ma il lago è sempre un meraviglioso universo da esplorare, tutto l'anno, in ogni stagione dell'anno, con qualunque tempo. E gli effetti sono sempre differenti ed inaspettati.

Equipaggio misto: Mauro sul Greenland ed Andrea e Mirella in canadese!
Così il 31 ci siamo sfilati muffole e cappelli ed abbiamo pagaiato a pochi metri da riva tra Cerro e Monvalle per goderci lo spettacolo delle canne di bambù mosse dal vento, degli aironi cinerini appollaiati sugli alberi spogli, delle rosette di sempervivum abbarbicate alla roccia lungo il costone verticale di Santa Caterina del Sasso. Il bel tempo avrebbe indotto a parlare, invece siamo rimasti quasi sempre in silenzio, che per me è quasi un evento! Al rientro abbiamo raccolto dal lago un mazzolino di rose ancora profumate, i petali setosi carichi di goccioline d'acqua gelata...

L'inaspettato regalo ricevuto dal lago...
Il primo dell'anno, ancora un po' assonnati e con un leggero ritardo sulla nostra solita tabella di marcia (perché contro ogni previsione siamo riusciti ad aspettare la mezzanotte per festeggiare in compagnia), ci siamo imbarcati alla volta delle Isole Borromee. Avvolti nel grigio più uniforme ed accompagnati da un venticello gelido che sarebbe stato capace di tagliare ogni conversazione, abbiamo invece percorso i classici venti chilometri chiacchierando a più non posso. Tutt'altro che mogi e taciturni, il cielo velato e la temperatura polare avevano stranamente scatenato la nostra parlantina e per tutto il lago si sentivano solo le nostre risa...
Tornando a casa mangiata dal freddo, che mi fa precipitare in serate letargiche peggio di un ghiro d'alta montagna, mi sono ricordata perché mi piace tanto pagaiare, anche quando sarebbe meglio rimanere al caldo sotto una pila di coperte: perché ti si stampa in viso un sorriso così grande che dura un'intera settimana!

Gli unici fruitori del servizio invernale!
We spent two days paddling on the lake to well finish the year and better start the new one!
The sun was warm on the 31 and the day seemed to be a spring day. The first was on the contrary a grey day, very cold and with no sun at all. But the lake is always a marvellous universe to be discoverd every day of the year and we came back home very happy for the two days paddling. C uriosly, we didn't talk on the 31 - that is quite and event for me - but we laugh a lot on the first, despite the cold weather...
When we came back home, I exactly remembered why I love so much paddling: it is the best activity to have a big smile printed on your face for the entire week later!

2 commenti:

  1. Grazie mille per i fantastici due giorni passati insieme
    un abbraccio Andrea Bresil

    RispondiElimina
  2. le cadeau du lac me fait penser à une trouvaille similaire dans la rivière de ma ville.
    Cependant ensuite j'ai su que les fleurs provenaient d'une couronne lancée à l'eau à l'anniversaire d'une tragique noyade.

    Philippe- Bretagne
    www.kayakdemer.eu/festival

    RispondiElimina

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog BlogItalia - La directory italiana dei blog