IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

E' nato Voyager

E' nato Voyager
Dopo diversi anni di gestazione, dalla collaborazione con CS Canoe, è nato Voyager, kayak da navigazione a medio raggio. In questa barca ho inserito le caratteristiche che, dopo 25 anni di attività e più di 20.000 miglia pagaiate, ho ritenuto rilevanti per un mezzo destinato a questo utilizzo. Qualche numero: lunghezza 585 cm, larghezza 50 cm, volume 310 lt, peso in VTR 23 Kg. Prima della produzione, il prototipo dovrà superare una fitta serie di test, ma già le prime semplici prove fanno ben sperare... Sarà possibile testare Voyager durante gli incontri dove saremo presenti. Mauro

Voyager è pronto!
Con le ultime modifiche apportate Voyager ha raggiunto la maturità
ed è pronto per la produzione industriale...

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci Mauro Ferro

giovedì 27 marzo 2014

Palermo Super Star

Ero molto emozionata, per il mio primo corso 3 stelle BCU da insegnante. Al tempo stesso attratta dalla novità ed intimidita dalla responsabilità. Talmente coinvolta da sfogliare gli appunti e ripassare la lezione anche durante la breve trasferta in aereo. Arrivata a Palermo, i timori sono svaniti: è stato sufficiente incontrare Vincenzo Stuppia per sentirmi a casa, a terra ed in acqua. Quando poi sono giunti tutti gli altri, è iniziata una festa durata tre giorni.
Le emozioni, così, sono cresciute a dismisura!

Vincenzo practising the "flat head" excercise!
L'accoglienza non poteva essere più calorosa: i primi abbracci all'aeroporto, la prima cena in un delizioso locale etnico, le prime chiacchiere nel cucinino della cohouse di Dario. Le giornate sono state piene non solo di kayak, di mare e di sole, ma anche di frequenti scorribande nella gastronomia siciliana, tra cannoli, iris e cassate quando eravamo in vena di dolci e panini con la milza, pane e panelle e spaghetti al nero di seppia quando invece indulgevamo sui salati.

The wonderful sea kayak school in Palermo Arenella...
What a lucky woman: a red sea kayak for me!
Starting the course...
L'incontro con i kayaker era fissato per la prima mattina di venerdì al bellissimo porticciolo della Lega Navale dell'Arenella: l'acqua era fredda e la temperatura resa ancor più bassa dalle risorgive di acqua dolce che contribuiscono a mantenere i colori vivaci ed intensi. Il sole ci ha tenuto compagnia a lungo e si è ritirato dietro una coltre nuvolosa innervosita dalle raffiche di vento soltanto l'ultimo giorno.
Una breve presentazione è stata seguita dai primi esercizi di riscaldamento: è così iniziato il divertimento!

Warm up with a Greenland paddle
More games with paddles...
Run in pairs!
L'imbarco dal pontile di legno offre subito l'occasione di sperimentare differenti tecniche di entrata ed uscita dal kayak: con una base nautica del genere, seguire alla lettera il syllabus BCU è stato facilissimo.
Lo specchio d'acqua antistante si allarga fino al porto di Palermo ed il breve tratto di costa rocciosa è punteggiato di grotte e scogli affioranti: è il luogo ideale per praticare le virate in movimento, per imparare il timone di prua e per affinare la tecnica groenlandese della pagaiata in fila indiana (ribattezzata per l'occasione "fila Inuit"!).


Il molo che si protende in mare ha permesso al Mammut di osservare dall'alto della sua posizione privilegiata tutte le manovre eseguite in acqua: ha assistito ormai a talmente tanti corsi da non sbagliare più nessun giudizio (le mancava solo il megafono per essere un formatore più che perfetto!).
Si è sempre respirata un'aria di grande intesa tra la folta schiera di partecipanti: sei iscritti al corso (Rosanna, Giuseppe, Toni, Leonardo, Pietro e Silvio) più due "osservatori" (Andrea e Dario) che, già forti del brevetto tre stelle, sono stati contenti di fare un ripasso generale. Vincenzo e Mauro sono stati due assistenti infaticabili, soprattutto nel documentare con foto e video le fasi più esilaranti del corso (non ne ricordo un altro con un così alto numero di immagini e filmati: la scelta è stata difficilissima!).

Clear water despite the harbour so near...
Il momento clou è arrivato con gli spostamenti laterali, ad un tempo e continui. Prima abbiamo impostato la manovra, studiato la posizione corretta del corpo, della pagaia e del kayak, reso efficace lo scivolamento sull'acqua dell'imbarcazione. Poi abbiamo usato una serie di giochi in acqua, individuali e di gruppo, per interiorizzare le conoscenze acquisite: il divertimento accresce l'apprendimento ed il bambino che è in noi riprende a ridere di gusto. Forse è per questo che lo spostamento laterale è la mia manovra prediletta...

A well coordinated draw stroke
Sculling one against the other
Il secondo giorno è stato dedicato in parte alle lezioni teoriche di navigazione, lettura della carta nautica e di sicurezza in mare, ed in parte ai salvataggi e ai recuperi in acque profonde. Nonostante le basse temperature e la totale mancanza di mute stagne, tutti si sono immersi più volti nell'acqua gelata, sono rientrati in kayak nelle maniere più disparate e hanno sperimentato le diverse tecniche di risalita autonoma o assistita. Il rientro alla cow-boy è quello che diverte sempre di più, specie quando le onde sollevate dal vento rendono la manovra instabile ed impegnativa: le migliori soddisfazioni arrivano quando le gambe si infilano di nuovo nel pozzetto!

Reading and discussing the syllabus...
Planning and navigation sessions...
Group awarness: from theory to practise...
Il terzo giorno, infine, si è riempito di traini e rolling. La novità del traino di contatto ha reso le esercitazioni molto interessanti: ognuno ha sperimentato le tecniche di assistenza e salvataggio di un compagno in difficoltà in modi sempre diversi, arrivando presto a capire quali sono i vantaggi e gli svantaggi di ogni intervento. Abbiamo lavorato soprattutto sulla rapidità di esecuzione della manovra e quando siamo passati all'uso della cima di traino, il vento teso della giornata ci ha offerto l'occasione di testare l'efficacia sia dei traini contro vento che a favore di vento, sia semplici che in linea. Il traino di due kayak zatterati ha ovviamente generato episodi assai spassosi...

Rolling and rescue
Contact tows
C'è stato per Mauro e me anche un quarto giorno. Terminato il corso con ottimi risultati, sia per gli allievi (tutti promossi) che per gli insegnanti (ricoperti di feedback positivi, alcuni quasi imbarazzanti), ci siamo dedicati alla visita della città: Vincenzo e Dario sono dei ciceroni impagabili e col Mammut abbiamo visitato Monreale, la Cuba arabo-normanna, il centro storico... fermandoci spesso per rifocillare le nostre stanche membra e scoprendo che il valore aggiunto di vivere in una città di mare è impareggiabile!

Lunch time with brioche&ice-cream
Cannoli for everybody to celebrate the 3 star sea kayak award!
Our last lunch in Palermo with tipical "meusa"!
Imperdibile la visita a Mondello della casa-museo di Leonardo De Chiara, uno dei padri del kayak da mare italiano e uno dei più illustri costruttori amatoriali di kayak groenlandesi. La sua passione trapela da ogni parola e le spiegazioni tecniche, sempre avvincenti, possono continuare ore ed ore senza mai annoiare l'uditorio. Tra modellini, kayak da navigazione, pagaie in uso ed in esposizione, Leo ha raccolto negli anni una collezione davvero invidiabile. I motivi per andare a Palermo sono sempre tanti e tutti ottimi!
Non vediamo l'ora di tornarci e per nostra fortuna il prossimo incontro non è lontano: dal 17 al 19 maggio per il primo corso istruttori FICK di kayak&surfski!!!

Power transfer!
Zen kayakers!
Mauro and Leonardo in his house-museum...
This was my first BCU 3 star sea kayak award as assessor.
I was thrilled expecially for the location: Palermo is a wonderful city, the Sea Kayak Trinacria nautical center is a perfect place to run a course and the weather in Sicily was excactly what we needed for the 3 star conditions: sunny, bit windy and waves as enough!
Six students on the water, more two 3 stars who wanted to refresh their knowledge, more two assistants around me: I never ever was part of a such well recorded course, with hundreds of pictures and videos showing the good feeling, funny excercises and the tasty food we share every day!
We are extremely grateful to our good friend Vincenzo Stuppia for hosting us: we are so happy to come back soon, in May 2014 for a new course for Italian coaches in kayak and surfsky! I'm very looking forward to consolidate this special realtionship in Palermo as well as to 
repeat the experience running other 3 star sea kayak awards around Italy...

1 commento:

  1. Spero con tutto il mio cuore di poterti finalmente abbracciare la prossima volta...Questa volta mi sei sfuggita, ;-)))) Complimenti soliti un'abbraccio Gianni.

    RispondiElimina

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog BlogItalia - La directory italiana dei blog