IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci - Mauro Ferro
_____________________________________________________________________________________________________

lunedì 18 gennaio 2016

BCU Level 3 Coach training: session 5 in the wind...

Quelle appena passate sono state due giornate che le previsioni meteorologiche locali annunciavano di vento forte e freddo, con la temperatura percepita precipitata di quasi 10°C.
Abbiamo misurato raffiche a 20 nodi il sabato e a 30 nodi la domenica: abbiamo quindi scelto di lavorare "in context", adattando gli argomenti scelti dagli "allievi sperimentali volontari" alle condizioni del lago, sferzato da folate ravvicinate e segnato da onde nervose e rigate di bianco.
Sabato i quattro volenterosi hanno dedicato due ore piene a perfezionare delle manovre.
Riccardo si è cimentato con la pagaiata in avanti, approfittando sia del vento a favore e contrario che di quello al traverso, variando in ogni circostanza la tecnica di pagaiata.
Laura si è riparata in un angolo ridossato dal vento, nella piccola darsena vicina al belvedere, e ha usato l'imboccatura per migliorare gli spostamenti laterali ad un tempo.
Mirella ha invece optato per le virate e ha disegnato serpenti d'acqua tra le boe gialle, scoprendo come sfruttare il vento di poppa e come risalire quello di prua.
Marco infine ha sperimentato il "trim" nel vento e tra le onde, modificando l'assetto dello scafo con una sempre diversa dislocazione del carico nei capienti gavoni del suo nuovo Voyager...

Col freddo pungente dei giorni scorsi, gli esercizi di riscaldamento sono irrinunciabili!
Mirella alle prese con l'inclinazione dello scafo (ma il bicchierino di punch in bilico sulla pagaia è caduto!)
La bella darsena della "nostra villa sula lago"...
Una volta "dentro", non sembra poi così cattivo!
Ma le raffiche erano davvero forti!
Domenica il vento è salito prima del previsto e già alle dieci del mattino sono comparse le prime paperelle ad imbiancare il lago. Quando siamo saliti in kayak, dopo i rituali esercizi di riscaldamento, abbiamo capito di doverci spostare nella baia di Reno, più riparata dalle forti raffiche da nord.
Mentre Mirella lavorava sugli spostamenti laterali Groenlandesi nella acque basse della darsena tranquilla di una bella villa abbandonata, Riccardo, Paolo e Camillo si sono trovati a pagaiare in un lago agitato che a tratti diventava molto scuro.
Riccardo ha lavorato ancora sulla pagaiata in avanti, studiando la corretta posizione di mani&braccia in ogni diversa andatura e migliorandola postura a seconda del vento laterale, di poppa e di prua.
Paolo e Camillo, padre e figlio, hanno nel contempo perfezionato la pagaiata alta e bassa e hanno capito l'importanza di alternare spinta e trazione, di modulare la pagaiata sulle onde e di lasciare lo scafo libero di scivolare sull'acqua.
Per finire in bellezza, e per rispondere alla loro richiesta di lavorare anche sulla sicurezza durante la navigazione, abbiamo dedicato l'ultima ora ai traini, prima in acqua piatta e poi tra le onde.
Rientrare alla base non è stato semplice, per via delle onde contrarie e degli spruzzi che bagnavano tutti, ma con noi sono tornati anche Mauro e Gianni, usciti per una pagaiata di piacere, e abbiamo così festeggiato tutti insieme al bar!

lunedì 11 gennaio 2016

Paddling with some good friends

Questo è il breve racconto per immagini di una bella giornata trascorsa in buona compagnia sul "nostro" Lago Maggiore!

Il gruppo al gran completo alla partenza da Cerro di Laveno (sponda lombarda)...
e con me dietro l'obiettivo all'arrivo a Stresa (sponda piemontese)...
La cartolina della pausa pranzo!
Il sole ci ha sorriso per un po', Marco mai!
Laura invece è sempre sorridente, sempre, anche quando non si vede!
L'Isola Superiore dei Pescatori: un piccolo gioiello
Anzi, quando parli del suo nuovo Voyager, scopri che Marco è capace di sorridere!
Il lago non è mai stato così basso, sembra l'effetto di una marea calante...
Il parcheggio era tutto nostro...
... e anche il bar!
This is the story of a wonderful Sunday paddling with some friends around Borromee Islands on "our" Lake Maggiore!

giovedì 7 gennaio 2016

L'Epifania tutte le feste si porta via!

C'è un detto che mi è sempre piaciuto molto: l'Epifania tutte le feste si porta via.
Quest'anno la Befana è caduta in mezzo alla settimana, e quindi le feste non sono ancora finite del tutto. Approfittando della splendida giornata di sole, benchè di un freddo glaciale, siamo usciti in kayak con Andrea e abbiamo raggiunto la Foce del Toce. Una tranquilla pagaiata invernale.
Il rientro è stato avvolto da una luce brillante che neanche in primavera!
p.s. Andrea: in tutte le foto che ti ho scattato avevi una faccia da schiaffi... :-)

L'Uomo di Ferro allo sbarco della pausa pranzo...
Andrea ai fornelli
Mauro raggiante
Mauro e il "nuovo" Voyager!
Riflessi
We have an Italian proverd about Epiphany that sounds almost like this: The Epiphany all the holidays bring away. This year the Epiphany is in the middle of the week, so holidays are not really gone at all. Taking advantage from a wonderful sunny day, depiste the freezing weather, we decided for a relaxed paddle with Andrea on our Lake Maggiore. On the way back the gentle breeze disappeared and the air was so warm that we felt for a while not in the winter any more!
p.s.: Andrea: every time I've take a picture, you made a cheeky face... :-)

venerdì 1 gennaio 2016

Chi pagaia il primo dell'anno...

Con Mauro in convalescenza per la recente operazione alla spalla sinistra, avevamo già da tempo scelto di trascorrere le feste in famiglia. Insieme ai pacchetti dei regali, abbiamo caricato sulla Mauromobile anche i nostri kayak e siamo scesi in "palude", a Latina, la mia città natale.
Dopo pranzi e cene luculliane, però, non potevamo mancare l'appuntamento col mare ed aspettavamo con impazienza l'incontro organizzato per il primo dell'anno da Eugenio al Lago di Paola, per un'escursione intorno al Monte Circeo...
Ci siamo così ritrovati in mare con alcuni amici del posto e, grazie a Federico e al suo kayak verde speranza, abbiamo festeggiato tutti insieme l'inizio del 2016.

Sotto il Monte Circeo
Chi sorride il primo dell'anno, sorride tutto l'anno!
L'opus reticolatum del canale romano che collega il Lago di Paola al mare...
Torre Paola ai piedi del Monte Circeo
La piscina naturale scelta per stappare lo spumante e festeggiare col panettone!
Due to the recent Mauro's surgical operation to his left shoulder, we have already deciced to spend the Christmas time with our family. Together with some gifts, we have also loaded our sea kayaks on the roof of the Mauromobile and we've finally drove down to Latin, near Rome, my hometown.
After such big and plush lunches and dinners, however, we could not miss the meeting with the sea: we were waited the gathering organized by Eugene on the Lake of Paola for a daily paddle around the Circeo Mountain...
We spent the first day of the new year paddling with some friends and, thanks to the green kayak that Federico has offered me, we celebrated all together the beginning of the 2016.