IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci - Mauro Ferro
_____________________________________________________________________________________________________

domenica 30 gennaio 2011

Rising to great heights

Il kayak è una malattia e se la malattia ci tiene lontano dal kayak cerchiamo di sbirciare dall'alto: un post per immagini, quelle scattate dal ponte sul fiume Mera e dalle rive del lago di Como alla combriccola riunita per il Cimento Invernale... e l'emozione di guardare il kayak che scivola sull'acqua da una prospettiva diversa...
Un bel filmato sul sito del foto-giornalista Giovanni Salici.


Sea kayak is something like a sickness and when the sickness keep us away from the kayak we try to take a peek from heights: a post with some pictures from a bridge and viewpoints around the Lario Lake... and the emotion to look the kayak sliding on the water from a so different point of view...
A beautiful video on the photo-journalist Giovanni Salici web site.

lunedì 24 gennaio 2011

Quando gli allievi superano i maestri!

Siamo bloccati a letto dall'influenza e ci consoliamo leggendo e guardando le avventure altrui: di alcuni nostri allievi che abbiamo avuto la fortuna di incontrare e conoscere nella passata stagione e la cui passione per il kayak da mare è andata crescendo nel tempo.
Il video montato da Ida D'Onofrio sul corso tenuto a settembre a Trieste ci ha molto emozionato e lo abbiamo inserito volentieri nel sito alla pagina delle pubblicazioni... manca solo la sua mitica pastiera napoletana!
I viaggi letterari oltre che acquaioli del cicloturista Emilio Rigatti ora prestato a tempo pieno al kayak ci fanno sognare, sorridere e sperare in nuove avventure: ecco i quattro racconti (parte 1 - parte 2 - parte 3 - parte 4) pubblicati sul quotidiano il Piccolo di Trieste del suo viaggio in kayak da Aquileia a Padova lungo la Litoranea Veneta per... "andare a prendere un caffè dalla mamma"!


We're prisoner in our own home with the cold and we're spending time reading and watching the adventures of other kayak's friends: some sea kayakers we've met last season and whose sea kayak passion has gone growing in the meantime.
The video edited by Ida D'Onofrio about the sea kayak course held in September in Trieste is so beautiful that we were extremely excited and happy to included it in the Tatiyak web-site... only missing her legendary neapolitan "pastiera"!
The literary travels written by Emilio Rigatti, a cyclotourist worked now full-time for the sea kayak, make us dream, smile and hope for new adventures: here you are the four stories (part 1 - part 2 - part 3 - part 4) published in the newspaper Il Piccolo di Trieste of his sea kayak trip from Aquileia to Padova along the Venetian coast to... "get a coffee from the mom"!

martedì 18 gennaio 2011

First meeting, first eating

Con tutte le buone intenzioni, il primo incontro dell'anno a Chioggia si è risolto in una grande abbuffata!
La nebbia fitta, la calma piatta ed il freddo intenso hanno cospirato contro di noi e ci hanno costretto ad una semplice pagaiata lungo i canali della città e fino alla vicina Pellestrina.


La solita intraprendenza di Guglielmo ci ha fatto ritrovare in un bel gruppo numeroso, allegro e colorato: come sempre avviene in questi casi, i più curiosi ed intraprendenti hanno provato il Baidarka, rimanendo colpiti dalla sua stabilità anche in acqua piatta perchè la chiglia a V non infastidisce affatto chi ha già preso una buona dimestichezza con il kayak, anzi aumenta la sicurezza della navigazione.


L'unica foto di gruppo non poteva che essere scattata fuori dal solo ristorante aperto dell'isola di Pellestrina: dopo un risotto deludente e delle abbondanti porzioni di "caparossoli in casso pipa" da leccarsi i baffi, ci siamo tutti chiesti se nel conto salato non ci abbiano fatto pagare anche i mirabili pendagli dei lampadari di Murano...


Però mangiare al ristorante in grondante muta stagna è una di quelle soddisfazioni che raramente ci possiamo concedere e la piacevole passeggiata per tornare ai kayak ci ha un pò aiutati a mandar giù i chicchi crudi del risotto, complice ovviamente l'abbondante scorta di liquore tipico locale che mai manca nelle dotazioni di bordo dei più esperti pagaiatori.


Il rientro è stato allietato da chiacchiere, fotografie, progetti futuri e tante, tante, tante risate... effetto forse dell'alcool o del buio incipiente, che ha pure reso semplice e giocoso lo sbarco nel canale senza pontile, egregiamente sostituito all'occorrenza da un barchino lì ormeggiato, ben più malmesso del S. Nicolò II, che con la delicatezza delle sue decorazioni imponeva a noi tutti di mantenere le giuste distanze!


La sera ci siamo tenuti "leggeri" in pizzeria, dopo l'arrivo in città di un amico speciale, il famoso ed ineguagliabile "Papele 'o marenaro" che su una littorina vecchio stile ha fatto la sua magistrale comparsa in stazione... la mattina seguente, prima di riprendere a pagaiare non potevamo resistere alla tentazione di una seconda e terza colazione nel vicino caffè, consapevoli che di lì a poco avremmo smaltito le calorie in eccesso con una sana pagaiata di un paio d'ore!


Abbiamo incontrato anche Duska, ma la lentezza indotta dal freddo e dalla nebbia persistenti non ci hanno fatto trovare subito il canale di navigazione per raggiungere la base nautica del Canoa Club Chioggia e così abbiamo perso il secondo appuntamento con la "rossa" più simpatica del Nord-Est... in compenso ci siamo persi ancora tra canali, pescherecci, briccole e gabbiani!


Il rientro alla scuola di Guglielmo non poteva essere migliore: oltre ai biscottini di Francesca, subito spariti per la incredibile voracità degli astanti, un cabaret di "chiacchiere" ha allietato l'ultima nostra chiacchiera!
E' sempre un gran piacere concludere una pagaiata in allegria, oppure con un pizzico di follia!!!


L'incontro era stato pensato (ed organizzato) per un confronto sulle diverse tecniche di recuperi e salvataggi ma non è stato difficile per nessuno dei partecipanti rimandare il tutto ad altra data, sperando nel clima più clemente e nelle temperature più miti... perchè mica vorremmo sempre e solo pagaiare, mangiare e bere, vero?!? 

sabato 15 gennaio 2011

New Tatiyak transporter...

Bene, siamo in procinto di partire per Chioggia per un incontro di canoisti e siamo quasi tentati di cambiare auto: non è un gran bel nuovo modello?
Non c'è neanche bisogno del cartello per i carichi sporgenti perchè il Baidarka si adatta perfettamente alle misure dell'auto e la doppia tonalità della carrozzeria si sposa a meraviglia con il kayak, nevvero?


Well, we're going to Chioggia, on the North East coast, for a kayakers' meeting and we're thinking about changing our car: do you like this last new model?
So we do not need to put nothing to signal the kayak because the beautiful Baidarka is perfectly the same lenght of the car and the double colours are ideally suited for the kayak, don't you think so?

giovedì 13 gennaio 2011

Starting out a new year

Siamo rientrati dal viaggio invernale ad Ibiza&Formentera rilassati ed abbronzati, nonostante gli imprevisti del viaggio (anzi del pre-viaggio!) e qualche giorno di cielo nuvoloso carico di umidità.
Queste ultime sere sono state dedicate alla sistemazione dell'attrezzatura e siamo già in trepidante attesa della partenza del viaggio dei nostri beniamini Justine&Barry intorno alla Tierra del Fuego!
Le prossime serate in piscina ci faranno riprendere gli impegni legati all'eskimo, la seconda edizione del Campionato Italiano di Eskimo a Genova e qualche altra piccola sorpresa che stiamo aspettando ci venga confermata: se così fosse, sarà uno spumeggiante anno nuovo interamente dedicato al KAYAK!!!


We finally came back from Ibiza&Formentera with a great humor and a little sunbathing: we spent our last nights to put in order all the kayak gear and camping equipment... a lot of work while we're waiting for the start of the big trip made by Justine&Barry around Tierra del Fuego!
Next night we we'll go to the swimming pool to relaxe a bit more and to practise Greenland rolls, waiting for the Roll Italian Championship and some other little surprises... if everything will happens, it will be an exciting year entirely dedicated to the SEA KAYAK!