IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci - Mauro Ferro
_____________________________________________________________________________________________________

martedì 26 ottobre 2010

Swimming pool for winter season

Siamo ormai entrati nell'inverno, il calendario non si ferma!
Riprendono questa sera i corsi invernali nella piscina di Besozzo: corsi base e di eskimo per due ore consecutive ogni martedì sera dalle 21,30 alle 23,30.
Kayak da mare e da fiume sono messi a disposizione di allievi ed appassionati da Andrea Muller della scuola New Controvento; inoltre, acqua riscaldata in vasca ed un ricco buffet freddo all'uscita renderanno oltremodo confortevoli gli incontri serali infrasettimanali.
Sono disponibili anche i nostri due kayak bianchi groenlandesi, lo Spirito Inuit della Overline ed il Greenland della Tahe Marine, oltre al nuovo modello realizzato da CS Canoe. Quattro mesi di allenamenti garantiti in vista dei prossimi campionati di eskimo di Genova.
Un'occasione da non perdere!
Sulla pagina della scuola del sito di Tatiyak orari, costi ed informazioni generali:
http://www.tatianacappucci.it/Tatiyak/Scuola/Corsi/PiscinaBesozzo10-11/PiscinaBesozzo10-11.asp


Winter is finally arrived, the time doesn't stop!
The winter courses in the swimming pool don't stop as well: eskimo roll classes and training sessions every Tuesday from 21,30 to 23,30 in Besozzo.
Sea kayak and river kayak available and two greenland kayak too; besides, warm water and a rich buffet at the end will make extremely comfort the weekday evening meetings.
Four months of guaranteed practise to win the next edition of the Italian Championship of Eskimo and Greenland Roll in Genoa on March 2011.
Look on Tatiyak web site for more informations:
http://www.tatianacappucci.it/Tatiyak/Scuola/Corsi/PiscinaBesozzo10-11/PiscinaBesozzo10-11.asp

lunedì 25 ottobre 2010

Argentario mon amour

Due splendide giornate di sole, a dispetto delle fosche previsioni meteo, ed una escursione in kayak all'Argentario con tanti amici arrivati per l'occasione da Milano, Roma, Napoli e persino da Malta!


Quando raggiungiamo il Tombolo della Feniglia, la notte di luna piena ha una colonna sonora d'eccezione che ci seduce all'istante: orchestre di grilli che friniscono nella temperatura ancora mite ed una atmosfera romantica completamente diversa da quella milanese, dove la prima brina mattutina ha già fatto la sua comparsa sulle auto in sosta nelle strade cittadine.


Un mare calmo ed una brezza leggera ci accompagnano nella gioranta di sabato 23 ottobre durante il periplo del Monte Argentario: Albert prova un nuovo kayak e l'allegra fottiglia colorata prende il largo dal Tombolo della Giannella alle 10 del mattino, con puntualità invidiabile, per rientrare alla base alle 18 circa, dopo una bella pagaiata di 30 km (ops, 16 miglia!) lungo le pareti rocciose del promontorio.


Il belvedere terrazzato di un ristorante ci accoglie per la sosta pranzo-birra-caffè e le nuvole scure che si addensano in cielo rendono il panorama ancor più seducente per il gioco di luci ed ombre che si riflettono sullo specchio di mare tra le isole del Giglio e di Giannutri adagiate all'orizzonte.


I kayak riprendono poi silenziosi la navigazione e le amicizie si intessono naturalmente tra una pagaiata e l'altra. La presenza di Albert rende l'escursione del tutto eccezionale: arrivato in volo da Malta per un fine settimana in compagnia, ci ha intrattenuto con le sue storie divertenti di marinai, comandanti e terre lontane e con l'avvincente resoconto della traversata Tunisia-Malta dello scorso mese di luglio.


La serata si trasforma immediatamente in uno scambio di esperienze culinarie e linguistiche e la cena con la pasta alla carbonara viene innaffiata da alcoolici di varia provenienza, tra i quali spiccano il nocino e la liquirizia fatti in casa da Savina, la mia super-mamma tutto fare. La mattina seguente Albert sostituisce Emanuele ai fornelli per una colazione tipica maltese: uovo fritto coperto di pancetta e formaggio ed adagiato su una fetta di pane abbrustolito... un bicchiere di gin diventa indispensabile per digerire tutto prima di salire in kayak!


La domenica cambiamo destinazione: Ansedonia ed il suo arenile.
La brezza è più decisa ma il sole esce caldo dai minacciosi cumulonembi che si stagliano all'orizzonte e che annunciano temporali per l'indomani: questa volta il pranzo è più spartano ma decisamente più divertente, accanto al canale etrusco un pò maleodorante e alla Torre Puccini che staglia il suo profilo sulla Spiaggia della Tagliata: un caffè + grappa al vicino ristorante e poi di nuovo in mare...


Mancavano all'appello Giancarlo e Niko, che si sono potuti trattenere solo il sabato, ma con Emanuele, Stefania, Mena, Lucia ed Albert abbiamo trascorso una seconda giornata di gran divertimento e più di una volta è scappato dello alle ragazze: "Che bellezza, siamo soli in mare"!


Le vele della regata erano ormai rientrate in porto ed i motoscafi pescavano in rada venivano dondolati dalle onde: i saluti sono stati come sempre il momento più malinconico ma tutti abbiamo la certezza di incontrarsi ancora per una nuova pagaiata in compagnia... perchè il kayak è una "malattia" contagiosa!


An unfogettable week-end around the Monte Argentario in Tuscany with friends coming from Milan, Rome, Naples and Malta for a two days paddle, two alcoholic dinners and two lunch on the beach...
Complete translation as soon as possible...

mercoledì 20 ottobre 2010

Rescue practise in the swimming pool

Con una settimana di anticipo sulla riapertura invernale della piscina di Besozzo, gli Insegnanti Sottocosta si sono dati appuntamento per un nuovo incontro di approfondimento sulle tecniche di salvataggio e recupero, oltre che per una serie di esercizi divertenti sull'equilibrio e la stabilità.
Finalmente tutti in acqua, ma al caldo!


Ieri sera un manipolo di infaticabili pagaiatori ha occupato la piscina e smaniava per simulare incidenti, recuperi e salvataggi: un confronto aperto e costruttivo che ha permesso di rispolverare le tecniche acquisite e di apprenderne di nuove. Coloro che hanno conseguito nei mesi passati i brevetti BCU ed EPP hanno condiviso con gli altri l'esperienza maturata all'estero, in una serata ricca di spunti di riflessione sulla pratica in sicurezza del kayak da mare.


L'esigenza di ritrovarsi in acqua per approfondire le tecniche di salvataggio è nata nel corso dell'ultimo incontro di aggiornamento promosso dai tecnici Sottocosta del Nord Italia, tenutosi sul Lago di Lugano lo scorso 18-19 settembre, in un fine settimana freddo e piovoso, che ha costretto tutti al riparo e ha animato un lunga discussione teorica sui vari temi trattati della gestione delle scuole, della didattica di insegnamento, della necessità di aggiornamento e così via; siccome il tempo trascorso in kayak si è ridotto ad una mezza giornata, è nato spontaneo il desiderio di prolungare l'incontro con due o tre nuovi appuntamenti tematici, così da poter riprendere e continuare il confronto in acqua.


Abbiamo così provato e riprovato varie tecniche di recupero e salvataggio, simulando diverse condizioni di incidente e di pericolo, valutando di volta in volta come intervenire, cosa richiedere al pericolante, quale manovra adottare a seconda delle sue capacità di collaborazione o meno... è stato molto istruttivo, perchè mettersi nei panni del malcapitato spesso chiarisce le idee più di lunghi seminari teorici.


L'obiettivo dichiarato dell'incontro di ieri sera, come dei prossimi, è quello di ampliare la propria conoscenza teorico-pratica per avere maggiori capacità tecniche in acqua ed aumentate così possibilità di intervento in caso di bisogno, per prestare soccorso ad allievi, amici e compagni di avventure: una pratica di approfondimento che speriamo diventi un appuntamento ricorrente ed irrinunciabile per chi si è votato alla diffusione della cultura del kayak da mare.


La serata si è conclusa con un apprezzato buffet freddo offerto dalla piscina di Besozzo e per un altra ora abbondante abbiamo continuato il confronto davanti a piatti ricolmi di vari stuzzichini e a ad numero imprecisato di bottiglie di birra!
Il prossimo incontro in piscina in programma per martedì 16 novembre sarà incentrato sulle tecniche di rianimazione, ed a questo seguirà un incontro a Chioggia il 15-16 gennaio per un ripasso generale in mare aperto, che speriamo di trovare mosso e ventoso!


With a week in advance on the winter reopening of the swimming pool, we had yesterday evening a Sottocosta coaches meeting about rescue techniques, with a constructive comparison between Italian and BCU - EPP sea kayak standards.
We are all interested in a safe practise of the sea kayak and we hope to improve our personal skills in way to help other kayakers... and to enjoy the fun&balance excercises!
Next meeting about incident managment on Tuesday 16th of  November and after that another open sea meeting in Chioggia on the 15th and 16th of January, where we hope to find a windy rough sea!

lunedì 11 ottobre 2010

Message in a bottle

Chi va per mare prima o poi trova un messaggio in una bottiglia! Da quando è entrato nell'immaginario collettivo grazie ai romanzi d'avventura e alle pellicole cinematografiche su naufraghi e pirati, il foglietto di carta racchiuso in un pezzo di vetro trasparente ha sempre rappresentato una speranza di comunicazione col resto del mondo che riusciva a superare i limiti delle distanze geografiche e temporali.
A me non era ancora capito, ma ieri in kayak ho incontrato sul Lago Maggiore la mia bella bottiglia galleggiante, un pò scivolosa per la patina depositata dal tempo ed in bella mostra tra centinaia di rametti e legnetti trasportati a valle dai primi temporali di stagione.
Non era il messaggio di un naufrago, ma il disegno di una bambina, con gli spazi colorati e la firma tedesca: una breve variazione sul tema nella solita pagaiata domenicale...


Every sailor man can find sooner or later a bottle with a message!
Entered in the popular imagination with novels and films about pirates and shipwrecks, that note written on a white paper and closed into a transparent bottle has always reprensented the hope to speak with the rest of the world against geographical or time limits.

Yesterday, I have met in kayak my first afloat bottle, not from a castaway but from a child: a little variation in the usuale Sunday paddle on the lake...

lunedì 4 ottobre 2010

Kayak test

Sto cercando un nuovo kayak: il mio "vecchio"Sardinia non verrà ad Ibiza e Formentera!
Così ieri siamo andati al Lago di Lugano presso la bella sede di Sullacqua per provare il Baidarka Explorer proposto dalla CS Canoe.
Lo scafo a V trasmette una bella sensazione e la barca risponde bene alle inclinazioni.
Provata scarica sul lago piatto ci è sembrata subito un'ottimo candidato per il nostro prossimo viaggio invernale...


I am looking for a new kayak: my "old" Sardinia won't come with me to Ibiza and Formentera!So yesterday we have gone to the Lugano Lake near Sullacqua beautiful center to try the Baidarka Explorer proposed in Italy by CS Canoe.The V hull transmits a good feeling and the boat answers well to the inclinations.It immediately seems a good candidate for our next winter sea kayak trip...