IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

E' nato Voyager

E' nato Voyager
Dopo diversi anni di gestazione, dalla collaborazione con CS Canoe, è nato Voyager, kayak da navigazione a medio raggio. In questa barca ho inserito le caratteristiche che, dopo 25 anni di attività e più di 20.000 miglia pagaiate, ho ritenuto rilevanti per un mezzo destinato a questo utilizzo. Qualche numero: lunghezza 585 cm, larghezza 50 cm, volume 310 lt, peso in VTR 23 Kg. Prima della produzione, il prototipo dovrà superare una fitta serie di test, ma già le prime semplici prove fanno ben sperare... Sarà possibile testare Voyager durante gli incontri dove saremo presenti. Mauro

Voyager è pronto!
Con le ultime modifiche apportate Voyager ha raggiunto la maturità
ed è pronto per la produzione industriale...

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci Mauro Ferro

giovedì 9 giugno 2016

"Axel pack" map case: il porta mappe ideale!

Una delle cose che più ci seduce del kayak è quella di poter navigare.
Abbiamo sempre avuto problemi, però, a trovare una custodia stagna per le mappe nautiche.
E' alquanto difficile reperire in commercio un porta-carte veramente stagno e resistente: solitamente si tratta di custodie per la nautica da diporto, o per le attività "ricreative", vendute a poco prezzo e con chiusure a clip o col velcro o con altre soluzioni fantasiose.
Le custodie stagne, e non solo quelle per riporre le carte nautiche, sono sollecitate da diversi fattori: in primo luogo dall'acqua, che "minaccia" tutta l'attrezzatura di bordo (specie quella sistemata sul ponte del kayak, continuamente a contatto col liquido blu), ma anche dalla sabbia, che si intrufola dappertutto ed acquista una forza di penetrazione incredibile negli sbarchi tra le onde, quando i granelli vengono frullati nella schiuma bianca che spesso ricopre completamente il ponte del kayak.
La migliore custodia stagna per carte nautiche che abbiamo fin'ora utilizzato (e che porteremo con noi anche nel nostro prossimo viaggio alle Isole Cicladi) è quella nata come prodotto artigianale da un'idea semplice quanto geniale di Axel Schoevers, un kayaker olandese che, stanco di buttar soldi in custodie dozzinali, ne ha costruita una adatta alle sue esigenze (andando finalmente incontro alle richieste di tanti altri pagaiatori!)
Visto che in molti ce lo hanno chiesto e visto che non è facile da reperire, inseriamo qui il link al sito di Justine Curgenven, una entusiasta sostenitrice della custodia prodotto da Axel, affettuosamente ribattezzata "Axel pack": come molti altri esperti kayaker, Justine la usa da anni per le sue spedizioni ai quattro angoli del mondo e ne presenta brevemente le caratteristiche salienti.

Noi abbiamo usato la "Axel pack" durante il periplo della Sicilia nell'estate 2015... 
E' stata una prima volta piena di grandi soddisfazioni
La custodia stagna è facile da staccare dal ponte del kayak e resiste molto bene anche nella sabbia
Ha affrontato senza problemi i più forti temporali che abbiamo mai incrociato in kayak!
E ha fatto a lungo bella mostra di se' sul ponte dei nostri Voyager!
Noi usiamo sempre una carta per pianificare la rotta e per avere informazioni dettagliate sia sul mare che sulla costa. Mappa nautica e carta topografica (turistica e/o escursionistica) si compensano bene l'un l'altra: oltre a sapere quant'è profondo il mare o dove sono localizzati gli scogli affioranti o se c'è una boa di segnalazione di un pericolo isolato, noi vogliamo anche capire se la cala in fondo alla vallata è di sabbia o di ciottoli, se c'è un parcheggio o un bar, se  non è raggiungibile da terra oppure se ci sono strade d'accesso, e magari anche quanto dista il paese più vicino...
La custodia "inventata" da Axel è perfettamente adatta allo scopo: è trasparente su ambo i lati, così da poter contenere agevolmente due carte diverse, una sul retro dell'altra, e renderle entrambe leggibili in navigazione, semplicemente girando la custodia. Inoltre, non avendo noi kayaker la fortuna dei velisti di poter programmare la rotta sul tavolo da carteggio nel pozzetto sotto coperta, dobbiamo giocare d'anticipo e studiare ogni cosa a terra, prima di prendere il mare: la custodia di Axel è grande abbastanza da contenere anche appunti vari su previsioni meteo, correnti, tempo stimato di percorrenza ed ogni altra "curiosità" legata all'escursione pianificata. Justine, per esempio, dice di averci infilato persino il passaporto, tanto è stagna e sicura!
Il porta carte di Axel è composto di due fogli di plastica trasparente, termosaldati nel margine superiore ed inferiore, mentre le due estremità più corte sono aperte per poter comodamente inserire le carte. Si chiude con due tubi di plastica bianca che "mangiano" i due fogli di PVC e li tengono in posizione con un tappo (sempre di plastica, ma stavolta nera) ed un elastico.
Il sistema è molto pratico: è di misura variabile, a seconda dei giri che scegliamo di fare intorno ai tubi laterali, e può quindi contenere mappe di varie dimensioni. E' inoltre dotato di una coppia di moschettoni di plastica, fissati alle due estremità superiori, utili per agganciare la custodia al ponte anteriore del kayak.
Se si preferisce per una volta navigare a vista e non si vuole armare la custodia stagna, allora la si può arrotolare su se stessa e riporre in poco spazio, giusto sotto il gavone ovale.
E' una custodia davvero resistente e di ottima fattura, e ha anche un buon rapporto qualità-prezzo, appena 30 sterline, che al cambio attuale corrispondono all'incirca a 40 euro...
Credo sia tutto: buona navigazione!

Nessun commento:

Posta un commento

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog BlogItalia - La directory italiana dei blog