IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

E' nato Voyager

E' nato Voyager
Dopo diversi anni di gestazione, dalla collaborazione con CS Canoe, è nato Voyager, kayak da navigazione a medio raggio. In questa barca ho inserito le caratteristiche che, dopo 25 anni di attività e più di 20.000 miglia pagaiate, ho ritenuto rilevanti per un mezzo destinato a questo utilizzo. Qualche numero: lunghezza 585 cm, larghezza 50 cm, volume 310 lt, peso in VTR 23 Kg. Prima della produzione, il prototipo dovrà superare una fitta serie di test, ma già le prime semplici prove fanno ben sperare... Sarà possibile testare Voyager durante gli incontri dove saremo presenti. Mauro

Voyager è pronto!
Con le ultime modifiche apportate Voyager ha raggiunto la maturità
ed è pronto per la produzione industriale...

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci Mauro Ferro

lunedì 30 marzo 2015

La Triade Armata... di pagaie...

A volte basta una telefonata per radunare più di una dozzina di canoisti in un particolare luogo.
A volte capita che queste stesse persone sentano il bisogno, o la necessità, di trovarsi o andare in luoghi diversi.

... Verbania...
Domenica scorsa è successo proprio questo: un gruppetto sul Lago di Lugano, un paio sul Lago di Monate, un altro grappolo sul Lago Maggiore.
Al nostro solito punto di imbarco, a Cerro di Laveno sul Lago Maggiore, ci siamo ritrovati in 5: Massimo, Henry, Gianni, Stefano ed io.

... un dei traghetti del lago...
Ma perché così spesso diamo la preferenza a Cerro? Domanda più che lecita.
A Cerro di Laveno c'è un bel lungolago appena rialzato rispetto al livello dell'acqua, cosa non di poco conto, visto la scarsità di locazioni simili che offre il lago.
Ha circa 200 metri di spiaggia degradante, ottima anche per gestire i corsi di kayak, oltre che per imbarcarsi.
Ha diversi punti di imbarco e scivoli agibili anche nel periodo di affollamento estivo.
Ha un parcheggio proprio sulla strada con un praticello ottimo per preparare i kayak per le escursioni.
Il parcheggio è libero, tranne che da maggio ad agosto, ma se non si vogliono pagare i 3€ del biglietto giornaliero, una volta preparati i kayak, si può spostare l'auto poco sopra lungo la strada, dove tornano gratuiti.

... altri pagaiatori...
Poi, cosa non indifferente, c'è sempre un bar ristorante pizzeria aperto anche in inverno (in estate due) dove fare colazione e rinfrescarsi alla fine della gita.
Mi sembra che questo luogo abbia tutto quello che un canoista possa desiderare per preferirlo ad altri punti di imbarco... quasi un luogo magico...

... una delle spiagge del Camping Isolino...
Ma torniamo a noi. Quando eravamo quasi pronti a salpare, sono arrivati Mirella ed Andrea con la canadese sul tetto dell'auto, avevano deciso di pagaiare sul Lago di Monate.
Questo pittoresco lago con il suo perimetro di circa 8 Km, rappresenta un'ottima scelta per questo tipo di escursione.
Alla partenza ci siamo lasciati con l'accordo di ritrovarci in tardo pomeriggio (al bar) per uno scambio di impressioni ed un... brindisi.

... uno scorcio dei giardini dell'Isola Bella...
Abbiamo deciso di ripercorre per la prima volta quest'anno il giro largo delle Isole Borromee, che spesso chiamiamo affettuosamente il "giro delle birre"...
Il programma prevedeva di attraversare su Verbania, percorrere tutto il golfo e fermarsi sulla spiaggia del Camping Isolino per il pranzo.
Poi costeggiare fino a Baveno, attraversare sull'Isola dei Pescatori, poi sull'Isola Bella, quindi puntare al promontorio poco prima della Villa Pallavicino di Stresa.
Da qui attraversare su Santa Caterina del Sasso e quindi costeggiare ritornando al punto di partenza.
Un percorso ormai collaudato di circa 25 Km che almeno due volte l'anno ci capita di pagaiare.

... verso Santa Caterina...
Ma perché " il giro delle birre?" E presto detto: al Camping Isolino c'è (ovviamente) il bar del campeggio... poco prima di Villa Pallavicino c'è una agevole spiaggia con annesso bar... nel Golfo di Reno, poco dopo Santa Caterina del Sasso, sulla via del ritorno, c'è un altro bar... ecco perché questo giro è meglio farlo da poco prima di Pasqua a fine settembre... prima e dopo... i bar sono chiusi... e cosa ci andiamo a fare?

... sulla via del ritorno...
Il giro di domenica è stato solo "ispettivo", per rispondere all'interrogativo... ma i bar saranno aperti?
Ebbene tutti tranne uno erano già aperti, ma l'ultimo aprirà senz'altro da domenica prossima.
Comunque, allo sbarco ci siamo compiaciuti di noi stessi: non abbiamo bevuto quasi nulla... solo una bottiglia di Grignolino in 4 durante lo spuntino.
Si 4, perché Stefano, dopo poche centinaia di metri dalla partenza, ha accusato un dolore alla spalla che purtroppo lo sta perseguitando non poco in questo periodo, ed ha preferito tornare indietro... peccato, speriamo si riprenda presto.


Come da programma, poco dopo lo sbarco sono arrivati Mirella ed Andrea e, prima brindisi al bar con relativi scambi di notizie della giornata, e poi, salutati Gianni e Massimo che dovevano rientrare, per Henry ed il sottoscritto, pizzata a casa loro... anche se pagaiamo separati è difficile rinunciare a chiudere la giornata in loro compagnia.
Gran bella giornata, con a tratti un sole caldo primaverile, gran bella compagnia, gran bella serata di fine giornata.
... ad libitum...

Nessun commento:

Posta un commento

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog BlogItalia - La directory italiana dei blog