IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

E' nato Voyager

E' nato Voyager
Dopo diversi anni di gestazione, dalla collaborazione con CS Canoe, è nato Voyager, kayak da navigazione a medio raggio. In questa barca ho inserito le caratteristiche che, dopo 25 anni di attività e più di 20.000 miglia pagaiate, ho ritenuto rilevanti per un mezzo destinato a questo utilizzo. Qualche numero: lunghezza 585 cm, larghezza 50 cm, volume 310 lt, peso in VTR 23 Kg. Prima della produzione, il prototipo dovrà superare una fitta serie di test, ma già le prime semplici prove fanno ben sperare... Sarà possibile testare Voyager durante gli incontri dove saremo presenti. Mauro

Voyager è pronto!
Con le ultime modifiche apportate Voyager ha raggiunto la maturità
ed è pronto per la produzione industriale...

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci Mauro Ferro

domenica 24 febbraio 2013

Paddling in the snow...

In una domenica di febbraio incupita dall'ansia elettorale, sotto la neve che fiocca abbondante ed in ottima compagnia, lascio cadere tre schede colorate nelle rispettive urne, con quel batticuore tipico di ogni elezione che tutte le volte mi sorprende ed inorgoglisce: esco dal seggio sperando di vivere presto un nuovo 25 aprile!

Il tabellone luminoso dell'autostrada avvertiva: neve sull'intera tratta, attenzione!
Ci ritroviamo con pochi amici a bordo lago, immerso oggi in un paesaggio incantato. La neve ha imbiancato le montagne di fronte, giusto una spruzzata sugli alberi spogli, quel poco per farla assomigliare alla barba incolta di un vecchio stanco.

Mauro, Paolo, Tatiana e Andrea... fotografati da Gianni rimasto a riva!
Poi non si vede più nulla e al momento dell'imbarco l'orizzonte si chiude intorno ai nostro quattro kayak.
Sembra che stia smettendo. Poi invece riprendere a nevicare. E rinforza la neve insieme al vento.
Pagaiamo verso sud, lungo le spettacolari pareti rocciose dove di solito arrampicano altri pazzi come noi, amanti della vita all'aria aperta e del lago visto dall'alto... ma oggi non ci sono.

Il Baidarka impazza sui laghi del nord!
Quando volgiamo le prue verso nord, per rifare al contrario lo stesso percorso incantato, la neve si adagia sul viso, sulle mani, sul ponte. Ma il vento è calato e si sta bene, quasi al caldo. I due paia di pantaloni, i tre paia di calzini e le quattro magliette sotto la muta semi-stagna mi aiutano a non sentire troppa nostalgia della mia amata Kokatat arancione, ancora in restauro per il lattice slabbrato di collo e polsini.

Mauro ed il convento di Santa Caterina del Sasso sotto la neve
La neve cade soffice e grande. E' il cielo stesso che scende giù al rallentatore, con quelle piume d'acqua che sfiorano le guance con la dolcezza infinita della carezza di un bambino. Gli altri pagaiano veloci, io mi perdo dentro il paesaggio imbiancato. Con la testa per aria, come spesso mi capita, non mi accorgo di essere rimasta sola. E sogno. Il tempo si ferma, sospeso nel vuoto di questo inverno senza fine.

Motto del giorno: i sogni possono diventare realtà!!!
Il vento torna a farci compagnia. Il lago si imbianca, adesso anche sull'acqua, non solo sulle sponde e sulle montagne. Le onde si rincorrono sempre più ravvicinate e gli ultimi metri sono i più freddi. Qualcuno torna indietro a controllare se ci sono, gli altri si affacciano dalla riva. Non sanno che ad avermi fermata non è stato il vento ma, come spesso accade a quelli come me, il sogno. O meglio, la speranza di un futuro più luminoso della rotta che ci è toccato in sorte di seguire oggi in kayak...

1 commento:

  1. Stupenda pagaiata grazie mille a tuttii per la compagnia Andrea Bresil

    RispondiElimina

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog BlogItalia - La directory italiana dei blog