IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

E' nato Voyager

E' nato Voyager
Dopo diversi anni di gestazione, dalla collaborazione con CS Canoe, è nato Voyager, kayak da navigazione a medio raggio. In questa barca ho inserito le caratteristiche che, dopo 25 anni di attività e più di 20.000 miglia pagaiate, ho ritenuto rilevanti per un mezzo destinato a questo utilizzo. Qualche numero: lunghezza 585 cm, larghezza 50 cm, volume 310 lt, peso in VTR 23 Kg. Prima della produzione, il prototipo dovrà superare una fitta serie di test, ma già le prime semplici prove fanno ben sperare... Sarà possibile testare Voyager durante gli incontri dove saremo presenti. Mauro

Voyager è pronto!
Con le ultime modifiche apportate Voyager ha raggiunto la maturità
ed è pronto per la produzione industriale...

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci Mauro Ferro

domenica 3 febbraio 2013

Cimento Invernale 2013

Non avevo mai visto il Lago di Como tanto arrabbiato.
Raffiche di vento a 35 nodi, confermate dai pochi velisti presenti nella rada di Dervio.
Ci siamo imbarcati dopo una lenta colazione al bar, cercando di capire se avrebbe o meno rinforzato.
Eravamo solo in nove ma nessuno ha mai pensato di rimanere chiusi al caldo: avevamo di fronte una magnifica giornata di vento!

Il gruppo all'imbarco: rientriamo dopo appena 8 km!
Lo specchio d'acqua era striato di bianco, riccioli ravvicinati e dispettosi, tanti cavalli bianchi al galoppo.
Le sponde in quel tratto sono molto vicine e con il forte vento della giornata sembrava di poterle toccare!
Le cime innevate dei monti che cingono il lago erano battute dal vento e la neve si alzava a toccare le nubi.
L'insenatura che sia allunga fino a Bellano è rimasta sotto vento per pochi minuti ancora...
Poi è stata battuta da raffiche continue così forti che impedivano ogni conversazione!

Non avevo mai pagaiato in un lago tanto arrabbiato...
Abbiamo capito subito che era meglio rientrare: risalire il vento contrario sarebbe stato sempre più faticoso.
Ad andature differenti ci siamo radunati lungo la scogliera ed abbiamo aspettato pazienti che Bruno risalisse in kayak: una folata più violenta delle altre gli aveva fatto perdere l'equilibrio e l'acqua di febbraio è davvero molto fredda! Lo abbiamo imbacuccato come un Babbo Natale che invece delle renne frustava le onde.
Una gran bella esperienza, per chi come lui ha scoperto il kayak soltanto ad ottobre dell'anno passato!

Bruno che lotta contro il vento!
Il raduno è continuato poi al ristorante Del Mera, sul laghetto di Mezzola, anche quello spazzato dal vento.
Luciano ha ripetuto, come al Wiskie, che sarebbe stata l'ultima edizione ma nessuno di noi ci vuole credere...
Soprattutto quel manipolo di canoisti che è rimasto anche per la domenica, sperando forse che le previsioni fossero errate e che le annunciate sventagliate dell'Alto Lario venissero rimandate. Invece niente. Ancora vento e onde e pranzi al ristorante. Perché il lago d'inverno può diventare grosso quanto il mare...
Io non l'avevo mai visto così. Ed è stato uno spettacolo indimenticabile!

Nessun commento:

Posta un commento

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog BlogItalia - La directory italiana dei blog