IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

E' nato Voyager

E' nato Voyager
Dopo diversi anni di gestazione, dalla collaborazione con CS Canoe, è nato Voyager, kayak da navigazione a medio raggio. In questa barca ho inserito le caratteristiche che, dopo 25 anni di attività e più di 20.000 miglia pagaiate, ho ritenuto rilevanti per un mezzo destinato a questo utilizzo. Qualche numero: lunghezza 585 cm, larghezza 50 cm, volume 310 lt, peso in VTR 23 Kg. Prima della produzione, il prototipo dovrà superare una fitta serie di test, ma già le prime semplici prove fanno ben sperare... Sarà possibile testare Voyager durante gli incontri dove saremo presenti. Mauro

Voyager è pronto!
Con le ultime modifiche apportate Voyager ha raggiunto la maturità
ed è pronto per la produzione industriale...

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci Mauro Ferro

giovedì 19 gennaio 2012

150 anni di esplorazioni polari

Si inaugura oggi a Torino una bella mostra sui “150 Anni di Esplorazioni Polari: dalla Groenlandia di Nansen al Polo Sud di Amundsen-Scott” organizzata presso il Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino dall’Associazione Circolo Polare di Milano e dall’Ambasciata di Norvegia in Italia
Riporto le informazioni direttamente dal comunicato stampa che ho ricevuto giorni fa, con un accento particolare non solo sugli esploratori italiani ma anche sugli studiosi del mondo Inuit che abbiamo imparato a conoscere tramite libri e racconti e che abbiamo anche avuto la fortuna di conoscere personalmente, come la scomparsa Gabriella Massa...
"Giovedì 19 Gennaio, ore 17.30, inaugurazione della mostra, preceduta dalla conferenza con Petter Johannesen pronipote di Roald Amundsen, Davide Sapienza curatore dei Diari di Nansen e Aldo Scaiano, Presidente Circolo Polare. Interverrà l’ambasciatore norvegese in Italia Bjorn T. Grydeland.
L’esposizione ha tre diverse aree con un solo punto centrale: seguire le orme e gli insegnamenti di Fridtjof Nansen nell’esplorare e studiare scientificamente le terre artiche.
Fridtjof Nansen, esploratore norvegese, è stato il primo ad attraversare la Groenlandia nel 1888, quindi il primo a utilizzare le derive artiche per avvicinarsi il più possibile al Polo Nord nel 1893-1896. La mostra offre la possibilità di conoscere la seconda vita di Nansen quando assunse nel 1921 la carica di Alto Commissario per i prigionieri e i rifugiati: creò il Passaporto Nansen, che ridiede la dignità a milioni di persone, sbandate e fuggiasche dopo i capovolgimenti  della prima guerra mondiale, soprattutto in Europa orientale. Nansen intervenne e risolse molti conflitti a favore degli Armeni, dei Greci e dei Turchi, dei contadini russi in piena carestia dopo quasi dieci anni di guerra esterna e interna.
Roald AmundsenRobert Scott: raggiungimento del Polo Sud. Roald Amundsen raggiunse il Polo Sud il 14 dicembre 1911, mentre Robert Scott e gli esploratori inglesi vi arrivarono il 17 gennaio 1912. La mostra ricostruisce i due tragitti, la cronologia, le difficoltà, le diverse tappe e la tragedia dei cinque esploratori inglesi deceduti nella fase di ritorno alla base. Il visitatore potrà ripercorre le orme dei due esploratori e apprendere cosa sia successo nelle tappe più significative verso il Polo Sud e rientro alle rispettive basi. Una ricostruzione che occupa un’area di 80 mq, all’interno dell’area espositiva.
Il contributo degli esploratori polari italiani.
L’esposizione evidenzia il ruolo degli esploratori polari italiani: Giacomo Bove, Luigi Amedeo di Savoia Duca degli Abruzzi, Umberto Nobile, Leonardo Bonzi, Silvio Zavatti e Guido Monzino.
Il Duca degli Abruzzi seguì le orme e i consigli di Nansen con la nave Stella Polare nel 1899-1900, ma non riuscì a raggiungere il Polo Nord. Umberto Cagni e le guide di Courmayeur stabilirono il record di avvicinamento: 84°14’N.
Giacomo Bove seguì la spedizione del passaggio a Nord-Est, dalla Norvegia al Giappone, e tracciò la prima ipotesi di attraversamento dell’Antartide.
Umberto Nobile sorvolò per primo il Polo Nord nel 1926, insieme a Roald Amundsen. Nobile ritentò l’impresa nel 1928 con la tragica vicenda della Tenda Rossa, che generò la più grande organizzazione di solidarietà per l’epoca e purtroppo la tragica scomparsa del grande Roald Amundsen.
Leonardo Bonzi, seguendo le tracce di Nansen, esplorò il più grande fiordo della Groenlandia nel 1934.
Silvio Zavatti studiò il popolo Inuit del Canada e della Groenlandia, partendo da Ammassalik, paese di approdo di Nansen per la traversata groenlandese. Contribuitò alla nascita del Nunavut, Regione autonoma Inuit del Canada.
Guido Monzino esplorò in lungo e il largo la Groenlandia, raggiungendo le vette immacolate dell’interno. Nel 1971 condusse la prima spedizione che raggiunse il Polo Nord, attraverso l’immenso ghiacciato artico.
Di ogni esploratore è riassunto il profilo e le spedizioni polari più significative. Diverse bacheche consentono di leggere documenti, foto e cartografia d’epoca, di osservare da vicino oggetti storici quali il Fornello Primus, monili ed attrezzi Inuit recuperati da Nansen nella sua spedizione del 1888.
Un collezionista ha messo ha disposizione la sua collezione di oltre 80 cartoline storiche sul Duca degli Abruzzi. Vi sono esempi di Passaporto Nansen, di cartoline storiche sulla Groenlandia e i Popolo Inuit provenienti dal dall’Istituto Geografico Silvio Zavatti, come bellissime foto della Groenlandia di oggi.
Gabriella Massa. Un particolare ricordo alla studiosa del popolo Inuit, curatrice della mostra INUIT esposta in occasione delle Olimpiadi invernali del 2006, nella stessa sede del Museo Regionale di Scienze Naturali. Sono riassunti i diversi progetti che oggi portano avanti Associazioni ed Amici di Gabriella Massa: Manifesto per i Poli, Carta dei Popoli Artici, Progetto Italia-Ammassalik, Women in Charge Artiste Inuit contemporanee, Saxu-Mundi Free World.
Sede: Museo Regionale di Scienze  Naturali, via  Giolitti 36, Torino
Periodo: 20 gennaio – 11 marzo 2012
Orario: tutti i giorni: 10 – 19  Chiuso il martedì
Info Museo: tel. +39 011 432.6354  http://www.mrsntorino.it/


An interesting exposition in Turin starting today till the 11st of March 2012 about Polar expeditions: Nansen to Greenland and Amundsen-Scott to Anctartic... sorry, too much informations for a clear translation. If you are interested in and want to come to Italy, please contact and call, we will be more than happy to receive you!

Nessun commento:

Posta un commento

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog BlogItalia - La directory italiana dei blog