IL BLOG DI TATIYAK

Il kayak è diventato la nostra grande passione, quella che ci appaga al punto da abbandonare tutte le altre per dedicarci quasi esclusivamente alla navigazione.
In kayak solchiamo mari, silenzi, orizzonti ed incontriamo nuovi amici in ogni dove...
Così abbiamo scoperto che la terra vista dal mare... è molto più bella!
Tatiana e Mauro

E' nato Voyager

E' nato Voyager
Dopo diversi anni di gestazione, dalla collaborazione con CS Canoe, è nato Voyager, kayak da navigazione a medio raggio. In questa barca ho inserito le caratteristiche che, dopo 25 anni di attività e più di 20.000 miglia pagaiate, ho ritenuto rilevanti per un mezzo destinato a questo utilizzo. Qualche numero: lunghezza 585 cm, larghezza 50 cm, volume 310 lt, peso in VTR 23 Kg. Prima della produzione, il prototipo dovrà superare una fitta serie di test, ma già le prime semplici prove fanno ben sperare... Sarà possibile testare Voyager durante gli incontri dove saremo presenti. Mauro

Voyager è pronto!
Con le ultime modifiche apportate Voyager ha raggiunto la maturità
ed è pronto per la produzione industriale...

Le nostre pagine Facebook: Tatiana Cappucci Mauro Ferro

martedì 25 ottobre 2011

Vado a prendere il caffè da mia mamma

Emilio Rigatti, professore, scrittore, cicloturista, canoista e video-operatore: da quando ha scoperto il kayak da mare non ha più smesso di pagaiare. L'estate scorsa è andato a prendere il caffè dalla madre, pagaiando in solitaria da Aquileia a Padova per 5 giorni. Quest'anno ha navigato i 444 km che separano Trieste da Zara, il prossimo anno forse espatria in Colombia o a Panama, chissà...
Intanto, pubblica un video divertente e commovente di quel primo, indimenticabile viaggio di formazione...
 
video
Il filmato di Emilio

Emilio Rigatti is a teacher, writer, bike tourist, kayaker and film-maker.
Since he has "discovered" the sea kayak, he has not stopped to paddle anymore. Last summer he went for a coffee to his mum, paddling alone from Aquileia to Padua for 5 days. This year he paddled for 280 miles from Trieste to Zadar, next year maybe he will go to Colombia or Panama...
In the meanwhile, he send out an amusing and touching video about that first, unforgettable sea kayak trip...

4 commenti:

  1. Bellissimo! complimenti a voi e a Emilio. Il filmato poetico - e l'impresa in un pezzetto bello d'Italia- mi ispirano. Grazie! luisella

    RispondiElimina
  2. Bellissimo e Originale....di solito uno esce di casa per comprarsi le sigarette...Ti capisco...
    La passione per il kayak....è una specie di malattia la "kayakite"quando ne resti"infettato"
    diventa cronica...Io ho iniziato per scherzo,con un corso con mio marito a giugno 2009,non ci siamo piu' fermati e siamo diventati portatori"sani"ma ancora infetti...
    Bravo!!!!Ti ammiro...Roberta(degli Enzi)

    RispondiElimina
  3. Giro facile, bello, di grande soddisfazione. Adesso a voi: è free entrance. Grazie per i vostri commenti!

    emilio

    RispondiElimina
  4. Ciao Emilio,
    condivido la passione per i viaggi in bicicletta e in kayak...sarà il ritmo circolare che li accomuna?
    Ho letto sopra del viaggio da Trieste a Zara...che sono i posti da dove vengono i miei vecchi. Hai già scritto qcs? Ci ritorni?
    Se passi in zona laghi lombardi chiama che ci facciamo un giro! Michele
    micvarin (at) gmail.com

    RispondiElimina

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog BlogItalia - La directory italiana dei blog